MESSINA. AL PALAZZO DI GIUSTIZIA LA MOSTRA "VIOLATE" DI LELIO BONACCORSO

MESSINA. AL PALAZZO DI GIUSTIZIA LA MOSTRA "VIOLATE" DI LELIO BONACCORSO In evidenza

In occasione della giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999, il Comitato Pari Opportunità istituito presso l'Ordine degli Avvocati di Messina organizza la mostra "Violate" Si tratta della riproduzione delle illustrazioni che Lelio Bonaccorso, autore delle tavole, nel 2013 donó all'iniziativa Posto Occupato quale personale contributo al contrasto a tutte le forme di violenza.

Violate sono donne ignorate, manipolate, abusate assassinate. La mostra si compone di dieci illustrazioni, che rappresentano alcune modalità, fra le troppe, con le quali donne, di ogni età condizione, subiscono un abuso.

L'autore parte correggendo la prospettiva con la quale si tollerano alcune pratiche quotidiane ed arriva alla denuncia degli atti più eclatanti, che culminano con il femminicidio: sono dunque illustrate violenze come la molestia sul lavoro, l'orrore delle spose bambine, la tortura dell'acido o delle percosse, la violenza assistita, la lacerazione psicologica indotta vedendo la tragedia abbattersi sulle persone care.

Dalle dieci tele, di cui oggi se ne espone sei, emerge un'umanità femminile varia, accomunata dalla solitudine che le avvolge in un silenzio del quale si nutre la spirale della violenza, spesso patita fino all'ultimo respiro. Tutte violenze che sono rintracciabili nel quotidiano di troppe realtà. Un fenomeno senza distinzione geografica, economica e sociale.

II Comitato Pari Opportunità consapevole che la prevenzione è di fondamentale importanza per contrastare il fenomeno della violenza di genere invita tutti ad intervenire lunedì 25 novembre p.v. alle ore I I .30 nell'atrio centrale del Palazzo di Giustizia di Messina per un momento di sensibilizzazione e riflessione.

La mostra verrà esposta dalle ore 9 alle ore 13.

000
Letto 56 volte

Articoli correlati (da tag)

  • MESSINA. GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE #DECIDOIO. INIZIATIVA DEL CLUB SOROPTIMIST

    Il Soroptimist International Club Messina presieduto da Viviana Girasole promuove un momento di sensibilizzazione in occasione del 25 novembre, “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” in collaborazione con l’istituto comprensivo “Boer - Verona Trento” di Messina.

    L’appuntamento è per lunedì 25 novembre alle ore 10 nella piazza del Palazzo di Giustizia, dove lo scorso anno lo stesso Soroptimist International Club Messina ha promosso la “Panchina rossa” simbolo della lotta alla violenza contro le donne.

    Dopo i saluti istituzionali della presidente Viviana Girasole e del Dirigente Scolastico  Santo Longo gli alunni della scuola secondaria di I^ grado “ Verona Trento”  con la partecipazione della Classe di Arpa dell’insegnante Valentina Celesti diranno “No” alla violenza di genere con un Flash Mob.

    Un’iniziativa fortemente voluta per lanciare un segnale forte e deciso. “Anche quest’anno, afferma la Presidente del Soroptimist International Club Messina Viviana Girasole, abbiamo voluto dare il nostro contributo. Lo abbiamo fatto coinvolgendo i giovani perché riteniamo che sia fondamentale sensibilizzare coloro che saranno gli adulti di domani per la costruzione di una società mirata a creare valore e diffondere amore.”

    Alle 19.00 si rinnova anche l’iniziativa “Contro la violenza dipingi il mondo di arancio” con l’illuminazione della Prefettura, del Santuario di Montalto e della Fontana del Nettuno.

    Un’azione concreta, portata avanti sotto il segno del colore arancione, scelto dal Soroptimist International, per mobilitare le coscienze, per ribadire che solo con l’impegno di tutti e con uno sguardo diverso è possibile cambiare realmente.

  • MESSINA. BRUTALE AGGRESSIONE AI DANNI DI UN'ANZIANA. DUE MINORI IN MANETTE PER TENTATO OMICIDIO E VIOLENZA SESSUALE

    Nella notte di domenica scorsa, i poliziotti delle Volanti hanno tratto in arresto due minori messinesi, un diciassettenne già noto agli uffici di polizia ed un quattordicenne, ritenuti responsabili in concorso tra loro dei reati di rapina aggravata, tentato omicidio e violenza sessuale in danno di un donna di 90 anni. Inoltre, entrambi sono indagati a piede libero per il reato di porto di strumenti atti ad offendere.

    In particolare, nel pomeriggio di sabato, perveniva alla Centrale Operativa della Questura di Messina una richiesta di intervento da parte di una signora, la quale segnalava una presumibile aggressione ai danni della madre, all’interno della propria abitazione.

     Sul posto, il personale operante rinveniva l’anziana donna ancora cosciente ma riversa sul pavimento con il volto tumefatto e sanguinante, che riferiva agli operatori di aver acconsentito poco prima l’ingresso all’interno della sua abitazione di due giovani, uno dei quali a lei noto in quanto amico di un suo nipote. Subito dopo, i due, minacciandola e percuotendola ripetutamente, mettevano a soqquadro l’abitazione in cerca di denaro ed oggetti preziosi. Dai successivi accertamenti si riusciva a risalire agli autori dell’aggressione che venivano poco dopo rintracciati, con gli abiti intrisi di sangue ed in evidente stato di agitazione. Nella circostanza, venivano sequestrati a loro carico un coltello a serramanico ed oggetti immediatamente riferibili alla vittima.

    L’anziana donna è stata ricoverata in prognosi riservata con fratture multiple e contusioni escoriate in varie parti del corpo. Inoltre, dalle visite cliniche effettuate è emersa ai suoi danni anche una violenza sessuale.

    I due minori arrestati sono stati condotti presso il Centro di Prima Accoglienza presso il Tribunale per i Minorenni di Messina, a disposizione dell’A.G. competente.

     

  • Taormina e la difesa dei diritti delle donne. “Non vittime ma combattenti”

    In occasione del 25 novembre, “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne”, la Città di Taormina ha promosso diverse iniziative, per sensibilizzare sul grave e dilagante fenomeno della violenza di genere. Tra queste, la mostra dell'artista polacca Wioletta Agnieszka Meler dal titolo "Non vittime ma combattenti", evento fortemente voluto dalla Presidenza del Consiglio Comunale, sovrintesa da Lucia Gaberscek. La mostra è stata allestita nell'aula consiliare di Palazzo dei Giurati, visitabile dal 19 novembre al 26 novembre 2018. Le opere di Wioletta Meler, artista da sempre attenta e sensibile al sentire femminile, rappresentano il dolore della donna troppo spesso vittima di ingiustizie, una donna che ha, però, la forza di rialzarsi, combattere e rinascere.

    Interessante e partecipato anche l’incontro, tenutosi nel pomeriggio di venerdì 23 novembre, sempre all’interno dell’aula consiliare, che ha visto impegnata in prima persona la Gaberscek, la quale in merito ha dichiarato: «Il 25 novembre non rappresenta, solo un'occasione per celebrare la donna, non è solo una ricorrenza simbolica, va intesa come una giornata utile a cui vogliamo dare anche un significato concreto. Ecco perché la nostra iniziativa "Non vittime ma combattenti", coinvolge tutto il Consiglio Comunale e non solo la rappresentanza femminile in esso presente».

    La violenza di genere è un tema sociale grave, dunque il Comune di Taormina con la stretta collaborazione del Vice presidente del Consiglio comunale Alessandra Caltabiano e con l'Assessore ai Servizi Sociali, Francesca Gullotta, ha ritenuto opportuno coinvolgere la Città. Tra le intervenute, nelle vesti di testimoni dirette di donne violate nella loro dignità, la signora Catena Giardina. Hanno inoltre contribuito a dare un quadro più dettagliato: l’avvocato Carmen Currò, presidente del “CEDAV-Centro Donne Antiviolenza di Messina” e la dottoressa Cettina Restuccia, presidente “EVALUNA ONLUS” che si occupa dell’accoglienza, all’interno di case sicure e in accordo con le forze dell’ordine, delle donne vittime di violenza.

    Gli interventi sono stati numerosi, a partire da quelli delle istituzioni. L’assessore Francesca Gullotta ha detto con estrema chiarezza che «la violenza nega la dignità umana. Occorre reperire le somme necessarie per dare sostegno concreto alle donne vittime di violenza, poiché la donna è prima di tutto, Persona». Numerosi i contributi anche da parte dei consiglieri di maggioranza e d’opposizione, e del Sindaco Mario Bolognari, il quale ha precisato che Taormina, in qualità di capofila del “Distretto Socio Sanitario D32”, deve essere motore di iniziative per il sostegno delle donne. Bolognari, nel suo intervento ha sottolineato come «l’esperienza vissuta è quello che conta. La quotidianità della violenza nella nostra società, riguarda il silenzio con cui viene annullata una donna. Fondamentale è l’educazione nella famiglia ed a scuola».

    Dopo gli interventi, il Presidente del Consiglio, Lucia Gaberscek, ha dato lettura dell’atto di indirizzo “Azioni di difesa delle donne vittime di violenza” con la manifesta finalità di sostenere e potenziare le associazioni operanti nel comprensorio, promuovere azioni di sensibilizzazioni e proporre l’istituzione di una “consulta sulle pari opportunità”. Il documento, accolto dal consiglio comunale, sarà poi votato e ratificato nel prossimo consiglio comunale.

    Tra i momenti più coinvolgenti è stata la performance dei ragazzi del “Comprensivo 1” di Taormina, rappresentati dalla dirigente Carla Santoro. I ragazzi hanno mostrato con spontanea semplicità, quanto si sentano determinanti per un cambiamento nella società. A loro è affidato il compito di gettare un nuovo sguardo sull’essere umani e sul diritto delle donne ad essere viste come individui unici dove esiste parità di genere, nel rispetto delle differenze. Lo stesso messaggio è stato lanciato dall’attrice Annamaria Raccuja, la quale si è fatta interprete del dolore di ogni donna vittima di violenza psicologica e fisica con la partecipazione di Rose Galante, in una trasposizione drammaturgica, tratta dal libro di quest’ultima Perché non lo lascio.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI