Attività turistiche e commerciali, riaperture con tante incognite. Fisascat Cisl Messina: «Alle Eolie e a Taormina saranno occupati tra il 15% e il 20% degli stagionali. Si ripristini l’Aspi»

Attività turistiche e commerciali, riaperture con tante incognite. Fisascat Cisl Messina: «Alle Eolie e a Taormina saranno occupati tra il 15% e il 20% degli stagionali. Si ripristini l’Aspi» In evidenza

- «Il 4 maggio potranno riaprire, ma quante attività ricettive, turistiche e commerciali lo fanno davvero? Quante persone ci saranno?» A chiederlo è la Fisascat Cisl di Messina che ricorda come nella provincia ci siano circa 15 mila persone che vivono di un impiego stagionale nel turismo e nel commercio e la quasi totalità non ha una prospettiva di lavoro per questa stagione, ormai già ampiamente compromessa. «Le Isole Eolie, Taormina e il suo comprensorio ma non solo – sostengono Salvatore D’Agostino e Pancrazio Di Leo - sono i maggiori poli turistici siciliani, aree di riferimento per il turismo e l'economia della Sicilia e del Sud. Ma questo non interessa al Governo». A Taormina e nell'hinterland, la prossima estate, secondo le stime di Fisascat Cisl saranno occupati tra il 15% e il 20% dei lavoratori che comunque non potranno nemmeno maturare i requisiti necessari poi per chiedere la Naspi. «Ad oggi non sappiamo quante attività apriranno, ci sarà pochissimo lavoro e chi potrà lavorare sarà fortunato – continuano i rappresentanti del sindacato - Per questo riteniamo indispensabile che si ripristini la Aspi, con i 24 mesi indennizzati, o che venga ripristinata la cassa integrazione in deroga per tutti i lavoratori del turismo. La considerazione che ad oggi c'è del nostro territorio è tutta nelle 600 euro del decreto "Cura Italia". Una miseria, persino negata a molti lavoratori, con la quale le persone potranno pagare una bolletta o una mensilità di affitto». Per la Fisascat non è più una crisi economica ma un'emergenza sociale. «Non possiamo accettare questa mattanza che viene compiuta ai danni di migliaia di lavoratori e di tutte le loro famiglie. Il lockdown, sinora, ci ha impedito di manifestare, il distanziamento sociale prevederà ulteriori obblighi ma non appena possibile torneremo in piazza. Soltanto questa situazione di quarantena obbligata ci ha fermato, altrimenti oggi saremmo già a Palermo e a Roma, sotto i palazzi della Regione e del Governo, per pretendere il rispetto di quei diritti che ai lavoratori del turismo, del commercio e dei servizi vengono negati, privati anche degli ammortizzatori sociali a differenza di altri settori produttivi. La crisi sta togliendo l'impiego a migliaia di lavoratori, ma di fronte a una crisi senza precedenti siamo pronti a una lotta senza precedenti per difendere l'occupazione e soprattutto la dignità - troppe volte calpestata - dei lavoratori».

000
Letto 247 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Castelmola. Appello del sindaco Orlando Russo: rispettiamo le regole

    Aumentano i casi di Covid 19 tra Taormina e Giardini Naxos. Il sindaco di Giardini Naxos Giorgio Stracuzzi sta valutando  di chiedere l’istituzione della zona rossa. Si attende la risposta dall'Asp per inoltrare la richiesta formale alla Regione. Intanto con ordinanza sindacale sono state chiuse tutte le scuole dal 7 al 12 aprile. Anche a Taormina il sindaco Mario Bolognari ha firmato un’ordinanza chiudendo tutte le scuole sul territorio comunale, pubbliche e private, sospendendo l'attività didattica in presenza fino a venerdì 9 aprile. Il sindaco del comune di Castelmola, Orlando Russo,  che in questo momento conta solo tre casi positivi esprime grande preoccupazione ed invita la cittadinanza a rispettare le regole per contenere il contagio.

  • Letojanni. Arrestato dai Carabinieri a seguito di una condanna a 6 anni e 10 mesi di reclusione

    I Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno arrestato S. D., 43enne già noto alle forze dell’ordine, originario di Letojanni, in esecuzione di un ordine di carcerazione per cumulo di pene concorrenti.

    I Carabinieri della Stazione di Letojanni hanno dato esecuzione al provvedimento definitivo emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Messina- Ufficio Esecuzioni Penali nei confronti dell’uomo che era già ristretto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione. Lo stesso dovrà scontare una pena residua di anni 6 e mesi 10, per il cumulo delle condanne riportate per diversi reati commessi a partire dal 2017 in poi. In particolare S. D. è stato condannato per i reati di lesioni stradali gravi o gravissime ed evasione, nonché alla pena accessoria della revoca della patente di guida. Lo stesso, infatti, già sottoposto agli arresti domiciliari, nell’ottobre 2020 era stato arrestato in flagranza per il reato di evasione e condannato ad 1 anno e 6 mesi di reclusione.

    Il 43enne è stato ristretto presso la casa circondariale di Giarre dove, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sconterà la pena.

  • TAORMINA. UTILIZZO TEATRO ANTICO. SCEGLIERA' UNA COMMISSIONE DI VALUTAZIONE

    Questa mattina si è svolta la Commissione di valutazione “Anfiteatro Sicilia” per esaminare le richieste di utilizzazione del Teatro Antico di Taormina nella stagione degli spettacoli 2021. Sono state approvate numerose date a partire dal 9 giugno e fino al 2 ottobre. Una stagione piena di eventi di grande rilievo. La Commissione è presieduta da Massimo Barrale e composta da due dirigenti dell’assessorato regionale al Turismo, due dell’assessorato ai BBCC e dal sindaco di Taormina. Con voto consultivo partecipa la direttrice del Parco archeologico Naxos Taormina. Il calendario approvato sarà pubblicato quanto prima a cura dell’assessorato regionale al Turismo. Quest’anno si ripropongono le manifestazioni classiche, come il Taormina Film Festival, Taormina Book Festival, Festival Opera Stars e alcune opere liriche. Ritornano l’Università di Messina per la consegna dei diplomi di laurea e il Coro Lirico Siciliano. Inoltre, come negli ultimi anni, numerosi imprenditori privati organizzeranno eventi e concerti di grande richiamo. La Commissione dovrà tornare a riunirsi per completare una parte del calendario per la quale non erano complete le pratiche. Va ricordato che il Parco archeologico si è riservato 32 serate per le visite serali, offerta turistico-culturale molto amata soprattutto dagli stranieri. Si tratta di un primo tassello per tornare a operare e rivivere la magia del Teatro Antico di Taormina.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI