Stampa questa pagina
TAORMINA. La Fisascat Cisl presenta le proprie proposte a tutela dell’occupazione dei lavoratori del turismo e del commercio

TAORMINA. La Fisascat Cisl presenta le proprie proposte a tutela dell’occupazione dei lavoratori del turismo e del commercio In evidenza

Una tutela allargata ed allungata per tutti i lavoratori del turismo del commercio dei servizi e gli stagionali del comprensorio di Taormina. Sono queste le richieste che la Fisascat Cisl ha chiesto di inserire nella “Piattaforma Taormina”, il documento elaborato nell’ambito del Tavolo di concertazione pubblico-privato verrà consegnato al governo regionale e nazionale e breve manu all’assessore regionale al Turismo Manlio Messina che dovrebbe arrivare a Taormina nei prossimi giorni. «Riteniamo – sostengono Salvatore D’Agostino e Pancrazio Di Leo della Fisascat Cisl Messina – sia necessario allargare il beneficio degli ammortizzatori sociali ai lavoratori dei settori del turismo e commercio e servizi per tutto il periodo di emergenza, almeno fino al mese di dicembre». Secondo il sindacato, però, occorre predisporre una tutela fino all'inizio della stagione 2021 per i lavoratori rimasti esclusi dalle attività per l'anno in corso, per quelli di aziende che non riprenderanno la loro attività e per i lavoratori delle aziende che riprenderanno le attività lavorative ma che non assumeranno gli interi organici per la mancanza di clientela. “La Naspi – ribadiscono D’Agostino e Di Leo - deve essere rivista e modificata per il futuro, il Governo nazionale deve capire che va ripristinata la vecchia Aspi che garantiva maggiori coperture ai lavoratori stagionali e che tutti quelli che operano nel settore del turismo e commercio siano tutti riconosciuti allo stesso modo. Non è possibile che a causa di codici e matricole, un aspetto meramente burocratico, tanti lavoratori siano stati esclusi dal ricevere gli aiuti economici del governo Nazionale».

«Il tempo delle parole e delle promesse è concluso, adesso vogliamo fatti a sostegno dei lavoratori o avvieremo una stagione di protesta ad oltranza. Non è possibile pensare, affermano, come fa il Governo Conte, di risolvere la crisi del turismo ed i problemi dei lavoratori stagionali con la ripartenza delle attività commerciali e degli alberghi». La Fisascat Cisl evidenzia come in una provincia come quella di Messina, dove si contano circa 15 mila stagionali, la spaventosa emergenza prodotta dal Coronavirus non si può misurare nell'opportunità che avranno pochi lavoratori di lavorare solo a luglio, agosto e settembre.

«Il Ministro del Lavoro e questo Governo fanno finta di non sapere che il 70% degli stagionali rimarranno a casa quest'estate, che hanno finito di percepire la Naspi già a dicembre o gennaio e che non sanno come andare avanti. La crisi del turismo non può svanire di colpo con la riapertura delle frontiere e questo modo di fare ci lascia senza parole, ci appare sconcertante e inaccettabile».

«Non si può accettare - continua il sindacato - che vengano respinte tutte le proposte che da anni ormai avanziamo, in termini fattivi, concreti e dettagliati, attraverso raccolte firme presentate ai vari ministri ma anche per il tramite di proposte di legge poste all'attenzione dei governi di turno e giunte nelle aule parlamentari con l'impegno di vari deputati di tutte le forze politiche, sia a Roma che a Palermo. Ribadiamo la necessità, irrimandabile di adottare misure urgenti a sostegno dei lavoratori, non soltanto con l'erogazione di aiuti economici immediati che in molti casi tardano ad arrivare e in diverse circostanze vengono persino negati per effetto di domande che vengono respinte; occorre soprattutto la modifica della Naspi e la reintroduzione dell'Aspi, per tutelare lavoratori che non possono essere abbandonati al dramma nel dramma di un altro autunno e un altro inverno senza un euro, condannati all'eterna precarietà e privati dei loro diritti fondamentali. Per questo siamo pronti a tornare in piazza e una protesta ad oltranza, fino a quando non sarà stata data voce e ascolto ai diritti dei lavoratori».

 

 

000
Letto 409 volte

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI