Letojanni. Le pigotte dei  vigili del fuoco

Letojanni. Le pigotte dei vigili del fuoco In evidenza

Tante pigotte Vigili del fuoco hanno “preso servizio” nelle caserme di Messina e Provincia. La campagna nazionale ”Per Natale adotta una pigotta” è stata infatti estesa tra i Vigili del Fuoco che hanno accolto l’invito con entusiasmo partecipando in maniera massiccia e adottando le pigotte in divisa che sono subito diventate le mascotte dei comandi e dei distaccamenti che hanno aderito all’iniziativa promossa dal Comitato Provinciale di Messina per l’Unicef presieduto da Angela Rizzo Faranda, dietro richiesta del presidente Provinciale dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale di Messina Luciano Portovenero.
Il connubio tra Unicef e Vigili del fuoco non nasce a caso poiché questi ultimi sono ambasciatori Unicef per la missione istituzionale, per gli alti valori civili, e di solidarietà che connotano gli scopi istituzionali dell’Associazione Nazionale, per l’azione di tutela e promozione dei diritti del’infanzia e dell’Adolescenza, con particolare riguardo alle azioni finalizzate alla protezione e sicurezza di coloro che sono svantaggiati, con particolare riguardo a tutte le bambine, i bambini, le ragazze e ragazzi, condividendo gli ideali del sodalizio. Per realizzare le pigotte c’è stato un vero e proprio dispiegamento di forze. Le divise sono state fornite dal Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Messina e dal distaccamento di Milazzo, grazie alla generosità del Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Messina Ing. Giuseppe Biffarella, mentre per la realizzazione ci hanno pensato le volontarie che hanno offerto la loro sapiente manodopera. A Messina hanno collaborato Stella Corrieri, Stefania Crisostamo, Tina Giacobbe, Francesca Trovatello e dai volontari UNICEF: Maria Rizzo Trischitta, Graziella Milo e Matteo Galtieri; mentre a Barcellona Maria Rita Giardina. Le Pigotte sono state adottate dai Vigili del Fuoco in pensione e dai Vigili del Fuoco in servizio presso il Comando provinciale di Messina, dai Vigili del Fuoco del Distaccamento di Letojanni, coordinato dal caporeparto Natale Micalizzi. All’iniziativa ha aderito anche il distaccamento di Acireale che opera sotto le direttive del caporeparto Gregorio Antonio Sorbello, grazie alla collaborazione dei vigili Ezio Santoro e Andrea Caristi, con il gentile consenso di Ambra Picasso, presidente provinciale Unicef di Catania. Le
adozioni sono state curate da Domenico Miuccio Caporeparto del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Messina, da Luciano Portovenero per Messina e da Francesca Gullotta per Letojanni ed Acireale. Con i contributi ricavati dalle adozioni delle Pigotte, l’UNICEF garantirà le vaccinazioni per i bambini nei Paesi in via di sviluppo e questo Natale, sosterrà anche programmi per l’istruzione, in quanto, a causa della pandemia da COVID-19, milioni di bambini e giovani non sono più tornati in classe: "Abbiamo un compito – ha affermato la presidente Rizzo Faranda - Accompagnare a scuola tutti i bambini e le bambine."

 

000
Letto 135 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Letojanni. La comunità celebra San Giuseppe

    La comunità Letojannese si è stretta intorno al suo patrono San Giuseppe per festeggiarlo nel giorno della sua ricorrenza. Anche se in tono minore a causa delle restrizioni anti-Covid, un ricco programma religioso ha caratterizzato le celebrazioni in onore del Santo patrono del paese che è custode della Chiesa. I festeggiamenti sono stati preceduti dalla novena e culminati con il Triduo a lui dedicato conclusosi venerdì. Nel giorno di ricorrenza sono state celebrate due Sante Messe, presiedute dal parroco padre Francesco Giacobbe. Alla messa vespertina hanno partecipato anche le autorità civili e militari con in testa il sindaco di Letojanni Alessandro Costa e il comandante della locale stazione dei Carabineri Tony Zarrillo. Alla Celebrazione Eucaristica hanno inoltre presenziato anche i rappresentanti della Confraternita di San Giuseppe, della Fraternita di Misericordia San Giuseppe e del gruppo donatori di sangue Fratres e di altre associazioni locali. Durante l’omelia Don Giacobbe ha sottolineato ed esaltato la figura di San Giuseppe, uomo umile e concreto, un modello a cui tutti i fedeli dovrebbero ispirarsi per essere costruttivi ed operativi a beneficio della comunità. Anche il primo cittadino Alessandro Costa, oltre ad evidenziare la devozione dei letojannesi nei confronti del patrono ha rimarcato la necessità di un’unione fraterna e collaborativa tra la cittadinanza per ottenere obiettivi comuni. Al termine della Santa Messa avuto luogo il sorteggio dei premi della lotteria organizzata dalla Confraternita di San Giuseppe.  

  • Letojanni. Arrestato dai Carabinieri a seguito di una condanna a 6 anni e 10 mesi di reclusione

    I Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno arrestato S. D., 43enne già noto alle forze dell’ordine, originario di Letojanni, in esecuzione di un ordine di carcerazione per cumulo di pene concorrenti.

    I Carabinieri della Stazione di Letojanni hanno dato esecuzione al provvedimento definitivo emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Messina- Ufficio Esecuzioni Penali nei confronti dell’uomo che era già ristretto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione. Lo stesso dovrà scontare una pena residua di anni 6 e mesi 10, per il cumulo delle condanne riportate per diversi reati commessi a partire dal 2017 in poi. In particolare S. D. è stato condannato per i reati di lesioni stradali gravi o gravissime ed evasione, nonché alla pena accessoria della revoca della patente di guida. Lo stesso, infatti, già sottoposto agli arresti domiciliari, nell’ottobre 2020 era stato arrestato in flagranza per il reato di evasione e condannato ad 1 anno e 6 mesi di reclusione.

    Il 43enne è stato ristretto presso la casa circondariale di Giarre dove, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sconterà la pena.

  • LETOJANNI. Tornano le celebrazioni per S. Biagio. Ecco il programma

    Si rinnova la tradizione per la festa di San Biagio, vescovo e martire, che si celebra mercoledì 3 febbraio nel giorno della ricorrenza. Un appuntamento religioso particolarmente sentito non solo dalla comunità parrocchiale letojannese ma atteso anche da numerosi fedeli provenienti dai centri viciniori. Le attuali restrizioni dovute al Covid-19 impongono un rituale inusuale ma non per questo pregnante, in nome del Santo. A conclusione della Novena che è stata recitata nei giorni antecedenti la giornata di festa, l’apice dei festeggiamenti si avrà mercoledì, data in cui saranno celebrate tre sante Messe, officiate da padre Francesco Giacobbe: alle 7 nella chiesa “Santa Maria Goretti” di Mazzeo e nel pomeriggio alle 16.30 ed alle 18 al polifunzionale di Letojanni. Al termine di ogni Celebrazione avrà luogo la benedizione della gola ai fedeli, durante la quale sarà applicato un rigido protocollo rispettando le regole del distanziamento interpersonale. Quest’anno, inoltre, ci sarà una novità, ovvero la benedizione della torta di San Biagio. Nei giorni scorsi, il parroco ha invitato i fedeli a preparare la torta dedicata al Santo, fornendo la ricetta con gli ingredienti e le modalità di preparazione attraverso l’ausilio di un simpatico tutorial, realizzato da alcune giovani che operano all’interno della parrocchia, fatto poi veicolare attraverso i social e consultabile sulla pagina facebook Parrocchie Letojanni-Mazzeo e sul foglio di informazione parrocchiale.  Sempre nella giornata di mercoledì, ad ogni Messa saranno benedette le torte che ogni fedele avrà preparato a casa. Naturalmente, le torte non saranno consumate in chiesa ma ognuno dopo la Celebrazione la riporterà a casa per condividerla in famiglia.  

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI