PAGLIARA. SVERSAMENTI SUL TORRENTE. SOPRALLUOGO ARPA E CARABINIERI

PAGLIARA. SVERSAMENTI SUL TORRENTE. SOPRALLUOGO ARPA E CARABINIERI In evidenza

 Torniamo ad occuparci degli sversamenti di reflui fognari sul torrente Pagliara. Dopo il nostro servizio e la denuncia di alcuni cittadini,  il caso è stato attenzionato dall’Arpa  e dai carabinieri che nei giorni scorsi hanno effettuato un sopralluogo. La scena che si sono ritrovati davanti i tecnici dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente della Sicilia e i militari dell’arma era però diversa da quella che vi avevamo mostrato. Appena alcune ore prima infatti l’amministrazione comunale di Pagliara aveva provveduto a far intervenire degli operai. I liquami sono stati in qualche modo eliminati o semplicemente sotterrati. Il terreno appare infatti interessato da alcuni movimenti. 

Sul caso si è registrato anche l’intervento dei consiglieri di minoranza di Pagliara. Attraverso un’interrogazione i consiglieri Domenico Prestipino e Santina Andronaco hanno chiesto di sapere cosa è davvero successo, qual è stata l’esatta dinamica dell’incidente e soprattutto come è intervenuta l’amministrazione comunale di Pagliara per risolvere. 

Registriamo anche la replica del primo cittadino Sebastiano Gugliotta che contrariamente a quanto dichiarato a Jonicareporter in un primo momento respinge oggi ogni responsabilità del comune di Pagliara. Eppure proprio lui ci aveva spiegato che i liquami provenivano dalla condotta fognaria di Pagliara e che nel corso di alcuni lavori qualcuno aveva dimenticato di riaprire la pompa, chiusa provvisoriamente, provocando lo sversamento sul torrente. 

E sempre il sindaco replicando al servizio pubblicato da Jonciareporter ci spiegava che voleva mantenere un profilo basso per evitare di far avere problemi “a qualche povero operario che per una dimenticanza poteva rischiare il posto di lavoro”. 

In più di un messaggio vocale inviatomi il sindaco Gugliotta mi  spiegava cosa era successo assicurando un pronto intervento. 

Stupisce quindi adesso il cambio di versione. Siamo però fiduciosi che le autorità intervenute sapranno meglio di chiunque altro chiarire cosa è successo, individuare eventuali responsabilità e stabilire se gli interventi di sistemazione sia stati eseguiti correttamente.  

000
Letto 339 volte

Articoli correlati (da tag)

  • PAGLIARA. La Polizia di Stato sequestra un’area abusivamente utilizzata per recupero rifiuti pericolosi e veicoli dismessi

    Personale della squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione Polizia Stradale di Messina ha proceduto al sequestro preventivo di un’area di circa 2000 mq in contrada Piana nel comune di Pagliara (ME), ove il titolare di una società avrebbe effettuato, senza alcuna autorizzazione, un’attività di raccolta, recupero di rifiuti pericolosi e, in particolare, di veicoli dismessi. La vicenda nasce nel 2015 allorché, durante un controllo amministrativo della Polizia Stradale, venivano rinvenuti numerosi veicoli, targati e non, motori e parti di essi, pneumatici e varie parti di carrozzerie.

    A seguito di una mirata attività di indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica, si accertava la totale assenza delle necessarie autorizzazioni alla demolizione o alla gestione dei rifiuti, oltre che un progetto mai autorizzato di raccolta e messa in sicurezza dei rifiuti speciali pericolosi.

    Nel 2016, un ulteriore controllo permetteva di appurare la parziale rimozione di alcuni rottami senza però effettuare una bonifica dei luoghi continuando a riversare sostanze inquinanti nel sottosuolo. Da quest’ultimo controllo sarebbe ulteriormente emersa la sussistenza degli elementi integranti fattispecie di reato previste dal codice dell’ambiente.

    Una precedente condanna del titolare dell’azienda per la medesima fattispecie emessa dal Tribunale di Messina nel 2011 e la necessità di impedire il protrarsi dell’attività criminosa ai fini della salvaguardia dell’ambiente, hanno consentito al Giudice delle Indagini Preliminari di disporre il Sequestro Preventivo dell’area del Comune di Pagliara eseguito a cura della Polizia Stradale di Messina.

  • ROCCALUMERA: FOGNA A CIELO APERTO, ARGIROFFI REPLICA ALLA MINORANZA

    Il primo cittadino di Roccalumera Gaetano Argiroffi non ci sta ad essere accusato di incuria e strafottenza . Arriva cosi puntuale la replica di Argiroffi alle accuse della minoranza in merito al presunto mancato intervento dell’Amministrazione per risolvere i problemi legati all’ennesimo versamento di liquami fognari sul lungomare. “E’ falso, afferma Argiroffi,  che il sottoscritto e l’ufficio tecnico siano stati inerti.” Da subito spiega il sindaco di Roccalumera, sono stati posti in opera tutti gli interventi necessari a bloccare la fuoruscita delle acque nere. “Detto questo, l’inconveniente non è riconducibile alla condotta fognaria di Roccalumera, bensì a quella di Pagliara. Ed oggi, abbiamo sollecitato detto Comune ad intervenire, giusta la nota prot. 1371”.

    Nella nota inviata al comune di Pagliara si legge

     “Facendo seguito alla comunicazione telefonica della mattinata  di oggi fra il personale degli Uffici Tecnici, si fa presente che a seguito dell'acquazzone del 09/06/2015 la fognatura di codesto Comune fuoriesce dal pozzetto antistante il cancello d'ingresso del depuratore e si riversa sulla via A. Vespucci fino al Lungomare via C. Colombo, causando disagi sia per il transito pedonale che veicolare venendo compromessi la salubrità e l'igiene di tutti coloro che risiedono nell'area interessata dall'invasione dei liquami fognari. Pertanto con la presente si chiede di intervenire con estrema urgenza e di porre rimedio all'inconveniente occorso, precisando di aver dato già comunicazione agli Enti preposti alla tutela dell'igiene pubblica. Si precisa che in caso di mancato intervento, stante l'allarme sociale che si è creato a causa dello sversamento dei liquami, questo Comune interverrà per la risoluzione del problema con intervento diretto sulla Vostra condotta addebitandovi le spese. Il Responsabile Dell'Area Tecnica: Arch. Giuseppe Della Scala”.

     “Sicchè, aggiunge Argiroffi,  ancora una volta la Minoranza nel maldestro tentativo di trovare una falla nella gestione della mia Amministrazione, lancia inutili allarmi sociali, sganciati dalla verità e dall’autenticità dei fatti occorsi, rivelando intenzioni ed obiettivi palesemente strumentali e di nessun beneficio per la comunità. Ancora una volta, conclude il primo cittadino di Roccalumera, i consiglieri di Minoranza, anziché serbare un silenzio dignitoso, danno voce ad un animus rancoroso che, puntando al discredito di chi amministra, non fa altro che sporcare l’immagine del Nostro Paese.”

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI