MESSINA.NASCE GIMAGO, IL PROGETTO IDEATO DA 2 GIOVANISSIMI PER AIUTARE L’AMBIENTE E SOSTENERE BENEFIT

MESSINA.NASCE GIMAGO, IL PROGETTO IDEATO DA 2 GIOVANISSIMI PER AIUTARE L’AMBIENTE E SOSTENERE BENEFIT In evidenza

Si può fare del bene, aiutare i meno fortunati, e allo stesso tempo contribuire a salvaguardare il pianeta, mettendo un freno all’inquinamento ambientale? La risposta è si. Partirà da Messina, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente (istituita dall’Onu nel 1972 a memoria della Conferenza di Stoccolma sull’Ambiente) che si celebra domani 5 giugno, una iniziativa dal grande valore sociale che ha un duplice obiettivo: sensibilizzare la comunità, e in particolare i giovani, sulle gravi conseguenze per l’ambiente causate dall’industria della moda “usa e getta” e sostenere Benefit, il negozio di abbigliamento gratuito destinato alle fasce economicamente più deboli della società, creato nel 2017 a Messina da Cristina Puglisi Rossitto, Presidente dell’Associazione Gli Invisibili Onlus.

Si chiama “Gimago”, (nel significato di Madre Natura) il nuovo progetto ideato dai due giovanissimi figli di Cristina, Alberto e Fabio Puglisi di 19 e 15 anni, il cui obiettivo è far comprendere, soprattutto ai propri coetanei, che aiutare l’ambiente è possibile anche solo apportando piccoli accorgimenti al proprio stile di vita. La campagna di sensibilizzazione che i due ragazzi hanno avviato, insieme ad altri coetanei, ha come obiettivo quello di spingere i giovanissimi al riuso degli abiti, spiegando che invertire il paradigma della “fast fashion” può salvare il pianeta. Il motto dell’iniziativa è “Im bach”: sono tornato. Il capo di abbigliamento ritorna in vita. Il vestito, la t-shirt, il pantalone che non vogliamo più utilizzare o che non ci sta più, se è in buone condizioni, può essere riutilizzato da qualcun altro. Attraverso Gimagodress si potrà contribuire a sostenere BENEFIT. Come fare? Semplicissimo. Basterà collegarsi al seguente indirizzo:  https://gimagodress.myshopify.com e, con una donazione minima di 5 euro, dal valore simbolico, si potrà scegliere uno dei capi presenti nella vetrina virtuale di Gimago che l’utente riceverà direttamente a casa. Tutti i capi selezionati sono stati sottoposti a un controllo di qualità prima di essere esposti. 

“Considero Gimago la naturale evoluzione di Benefit” – ha spiegato Cristina Puglisi Rossitto. “Negli ultimi mesi c'è stato un enorme incremento del numero di famiglie in difficoltà economica ed avere la possibilità di poter esporre online i capi di abbigliamento di Benefit darà la possibilità anche a quelle persone che hanno ritrosia a parlare delle loro difficoltà economiche di risparmiare sull'abbigliamento. Con Gimago – continua la Presidente dell’Associazione - si otterrà un doppio risultato: raggiungere molte più famiglie, dando loro la possibilità di risparmiare sull'abbigliamento. Basta, infatti, scegliere fra i capi esposti e potranno averli facendo una semplice donazione che contribuirà a sostenere le spese di gestione di Benefit garantendo, così, vita allo store della solidarietà che potrà continuare a garantire, a tutte le famiglie seguite dalla Invisibili Onlus l'abbigliamento gratuitamente. Inoltre, aumentando il numero di fruitori di vestiti "I'm back" si potranno ritirare molte più donazioni e ridare nuova vita a molti più capi di abbigliamento sottraendoli al ciclo di distruzione dei rifiuti tessili, terribilmente inquinante per l'ambiente”.

 LA STORIA DI BENEFIT E IL RISVOLTO BENEFICO DI GIMAGO

Nel 2017 in un piccolo locale di 70 mq nasce “Benefit”, un negozio di abbigliamento  gratuito a disposizione di famiglie economicamente fragili in cui tutti i capi esposti sono frutto di donazioni di generosi cittadini. Oggi lo store gratuito è ospitato in un locale di circa 400 mq ed attualmente i capi donati giacenti in magazzino sono oltre cinquantamila. Lo store è diventato un punto di riferimento non solo per i bisognosi o le famiglie economicamente fragili, ma anche per tante persone che desideravano fare del bene e contemporaneamente dare una seconda vita ai capi non più utilizzati: donare per aiutare. Tuttavia i costi di gestione dello store, in cui operano solo volontari, sono notevoli, da sempre l’affitto dei locali, le bollette e le altre spese vive vengono sostenute dalla ONLUS “Gli Invisibili” che lo ha realizzato. Gimago nasce dunque da un’attenta riflessione, trovare una formula economicamente sostenibile affinché Benefit possa autofinanziarsi e continuare a offrire il proprio servizio alle famiglie in difficoltà economica; smaltire i tantissimi capi accumulati nello store; sensibilizzare la comunità al riutilizzo; aiutare l’ambiente. Nel concreto, se Benefit riuscirà ad autofinanziarsi con Gimago, potrà continuare nella sua mission sociale, restando il punto di riferimento per tutte quelle famiglie, donne, uomini, bambini che, vivono momenti di difficoltà economica e non possono permettersi di acquistare vestiti nuovi. 

DA BENEFIT A GIMAGO

Sin da piccoli Alberto e Fabio hanno frequentato Benefit e condiviso il loro guardaroba, portando i capi che non usavano più e scambiandoli con altri della loro taglia. Questo stile di vita li ha fatti crescere con la convinzione che nessuna differenza passa fra un capo nuovo ed uno usato, l’unica cosa che importa è trovarsi bene con sé stessi e vedersi rappresentati in ciò che si indossa. E quando è nata la necessità di trovare una soluzione per fare il giusto uso dell’enorme numero di capi presenti nei locali di Benefit è stato per loro naturale pensare di “aprire” a tutti la possibilità di poter vestire “I’m back”. “Benefit è un progetto che va sostenuto e che deve continuare a vivere perché aiuta le persone” – ha affermato Alberto Puglisi Per i due ideatori del progetto ogni capo “Im back” inserito nel portale di Gimago deve esprimere l’identità di chi sceglie di indossarlo e così al momento della scelta del capo l’utente avrà la possibilità di scegliere l’etichetta identificativa del “Gimago-Pensiero” che verrà cucita sul capo scelto, personalizzandolo con “Be the change” per esprimere la voglia di cambiamento in maniera decisa pur se “delicata” e “Fuck pollution” per esternare determinazione e rabbia per un male che sta distruggendo il pianeta. Fabio e Alberto hanno ideato anche delle magliette monocolore, bianche o nere, brandizzate con le due scritte, che si potranno acquistare su Gimagodress per contribuire al progetto. 

 

000
Letto 135 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI