UNA SERA A CENA FUORI ANCHE PER CHI VERSA IN CONDIZIONI DI DISAGIO ECONOMICO. E’ L’INIZIATIVA PROMOSSA DALL’ ASSOCIAZIONE “E BERTA FILAVA”

UNA SERA A CENA FUORI ANCHE PER CHI VERSA IN CONDIZIONI DI DISAGIO ECONOMICO. E’ L’INIZIATIVA PROMOSSA DALL’ ASSOCIAZIONE “E BERTA FILAVA” In evidenza

Una sera a cena fuori anche per chi versa in condizioni di disagio economico. E’ l’iniziativa promossa dall’associazione “E Berta Filava” presieduta da Teresa Brancato. Non un servizio di mensa sociale o meglio, non solo questo,  ma una cena al ristorante…perché anche chi si trova in difficoltà possa trascorrere un momento di spensieratezza. L’iniziativa è stata subito condivisa dal Ristorante “A Muddica” di Franca Mastroianni che lunedì 29 Giugno aprirà le porte del proprio locale anche a chi una cena fuori non può permettersela. Un esperimento di mensa sociale che mira a non mortificare la dignità di chi suo malgrado si trova in difficoltà. “Proprio per questo, spiega Teresa Brancato,  lunedì 29 il ristorante sarà aperto anche al pubblico. In modo tale che non sia possibile fare alcuna distinzione.  Perché essere in difficoltà non è una colpa.” L’iniziativa vuole essere un esperimento di mensa sociale. “Le persone che parteciperanno al banchetto offerto dal ristorante “A Muddica”, prosegue Teresa Brancato, sono state selezionate personalmente da me. Dopo 8 atti di attività al servizio di chi ha bisogno con lo “Smistausato” e  non solo, conosco molto bene determinate realtà. La serata sarà allietata anche dalla musica jazz dei maestri Giampiero Todaro e Carmelo Coglitore. “L’auspicio, conclude Teresa Brancato, è che altre attività possano aderire all’iniziativa; così da programmare nel corso dei prossimi mesi altri appuntamenti.”

000
Letto 1649 volte

Articoli correlati (da tag)

  • FRANCAVILLA DI SICILIA. INIZIANO I LAVORI PER RICOSTRUIRE IL CENTRO LILLIPUT

    E’ trascorso quasi un anno da quando un incendio doloso ha distrutto i locali del Centro Lilliput di Francavilla di Sicilia che ospitano la mensa sociale promossa e gestita dall'associazione Penelope con il contributo del Comune di Francavilla di Sicilia. I locali, siti in via Liguria, la notte tra il 12 e il 13 febbraio dello scorso anno venivano avvolti dalle fiamme e danneggiati costringendo l’associazione Penelope a bloccare per la prima volta dopo oltre 10 anni tutte le attività connesse al centro, dal segretariato sociale e inserimento lavorativo per italiani e stranieri in situazione di bisogno, allo sportello per il microcredito familiare alla mensa sociale che funzionava tutti i giorni (festivi compresi) con la fornitura dei pasti principali (pranzo e cena) a 23 utenti adulti segnalati dall'ufficio di servizio sociale del Comune di Francavilla di Sicilia.
    Un atto vile che ha ferito al cuore la comunità di Francavilla di Sicilia e i tanti utenti del centro.
    Oggi però finalmente il centro Lilliput ricominciare a vedere la luce. Sono infatti iniziati i lavori di ripristino dei locali grazie ai tanti cittadini solidali della Valle Alcantara che, partecipando al sorteggio di beneficienza promosso dall'associazione Penelope, hanno permesso l'acquisto dei materiali necessari.
    “Chiediamo a tutti, è l’appello del Presidente dell’associazione Penelope Giuseppe Bucalo, un ultimo decisivo sforzo per portare a termine questa impresa di solidarietà dal basso e permettere di saldare i debiti e coprire le ultime spese per provare a riattivare la mensa prima di Natale. Facciamoci questo regalo. Aggiungiamo un posto a tavola.”

  • ROCCALUMERA. “Il MAESTRO” DI TERESA BRANCATO PRESENTATO PRESSO LO YACHTING CLUB DI CATANIA

    Si è svolto presso l’esclusivo Yachting Club di Catania la presentazione dell’ultimo libro della scrittrice siciliana Teresa Brancato dal titolo “Il Maestro”.

    Il libro è stato redatto con la collaborazione del produttore cinematografico Emanuele Leone, titolare della Società Leone Production con sede a Milano, da cui verrà tratto il film dall’omonimo titolo, che sarà interamente girato a Catania.

    La serata ha visto la partecipazione di imprenditori e professionisti catanesi che sono intervenuti alla presentazione rigorosamente su invito selettivo da parte del dott.Mario Alparone, Global Banker Banca Mediolanum, sponsor della serata.

    Durante la presentazione Teresa Brancato ha ripercorso la sua attività di scrittrice di romanzi, siamo al decimo libro, pubblicazioni che hanno un file rouge legato all’eros e alla passione.

    “Era il 2013 quando Emanuele Leone mi chiese di scrivere un libro autobiografico, ma non troppo, da cui poi trarne un film. Un libro complicato e intenso, nel quale avrebbe smascherato la sua anima, inserendo comunque anche delle connotazioni di pura fantasia che avrebbero reso il libro ancora piu’ avvincente. Scrivere di erotismo mi viene facile, talmente spontaneo, mentre scrivere una storia autobiografica è stata una vera sfida. Il percorso è stato difficile perché la vita ci mette sempre davanti a degli ostacoli, ma alla fine siamo riusciti a mettere nero su bianco e a completare il romanzo” – dice Teresa Brancato - “Stiamo correggendo le bozze per cui passerà del tempo prima che l’opera possa essere pubblicata, ma siamo convinti che questo inedito best seller, da cui verrà tratto il film grazie alla Leone Production, sarà un lavoro molto importante che verrà pubblicizzato sul territorio nazionale e non solo”.

    Emanuele Leone, nel suo intervento, ha ricordato le sue esperienze nel campo della produzione cinematografica con i suoi lavori che hanno partecipato a diversi e famosi festival internazionali della cinematografia, tra cui alla 68^ e 69^ Mostra del Festival del Cinema di Venezia.

    “ In Native, il thriller prodotto dalla Leone Production uscito nelle sale cinematografiche italiane nel 2012 in cui ho avuto anche un ruolo di attore – dice Emanuele Leone – abbiamo ricevuto 3 Globi d’Oro dalla stampa internazionale per la miglior musica, miglior canzone e regista rivelazione”.

    “Nel mio percorso lavorativo – continua Leone – ho conosciuto sia Teresa Brancato che Giovanna Ioppolo, Presidente dell’Associazione L’officina delle Idee che si occupa da anni di moda e fotografia, tanto da affidarle la cura della mia immagine e della comunicazione legata alle attività del progetto che stiamo sviluppando. Non voglio anticipare nulla sul film, ma sarà girato a Catania con un importante cast di attori professionisti della scena italiana”.

    Sottolineiamo il grande e importante impegno nel sociale della giovane scrittrice, che attraverso la sua Associazione artistica e culturale “E…Berta Filava” ha ideato lo Smistausato, nel quale nulla va sprecato e quindi tutto riciclato. La sede della sua associazione è divenuto un centro di raccolta di ogni genere, dal vestiario all'arredo, dai farmaci ai generi alimentari, andando incontro ai bisogni reali di chi in questo momento non riesce a sopravvivere con le sole proprie forze.

    La serata è stata chiusa da un aperitivo gentilmente offerto dallo sponsor della serata dott.Mario Alparone, Global Banker di Mediolanum sede di Catania.

  • FRANCAVILLA DI SICILIA. RIAPRE LA MENSA SOCIALE. LETTERA APERTA DELL’ASSOCIAZIONE PENELOPE AI CITTADINI E ALLE CITTADINE DEI COMUNI DELLA VALLE ALCANTARA

    Carissimi/e

    come saprete, nella notta fra il 12 e il 13 febbraio 2015, un incendio doloso ha danneggiato la mensa sociale che l’associazione Penelope gestisce in via Liguria a Francavilla di Sicilia, determinandone la chiusura temporanea.

    La mensa, al momento della sua chiusura, supportava oltre 20 persone in situazione di povertà, fornendo loro i pasti principali (pranzo e cena) 365 giorni l’anno e permettendo agli stessi di soddisfare le proprie esigenze primarie.

    L’incendio ha interrotto tutti i servizi che l’associazione fornisce sul territorio di Francavilla e della Valle Alcantara in favore delle persone in stato di bisogno, vittime di emarginazione e/o violenza e in situazione di povertà estrema, con grave pregiudizio per tutti i soggetti che nel tempo hanno usufruito dei servizi forniti dall’associazione.

    Per permettere la riapertura della mensa sociale e del centro Lilliput, l’associazione ha avviato una raccolta fondi che permetta la copertura delle spese relative al ripristino dell’impianto elettrico e dei locali della mensa danneggiati dall’incendio.

    Vi chiediamo pertanto di partecipare attivamente alla campagna donando quanto si può o si vuole direttamente ai volontari dell’associazione che si occupano della campagna.

    Per informazioni/adesioni: campagna “Aggiungi un posto a tavola” 0942.630069

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI