Grandi manovre nell’area dei gruppi e dei movimenti politici che si pongono in discontinuità rispetto all’attuale amministrazione: infatti, come già anticipato da alcuni “media”, tali soggetti hanno deciso di avviare un percorso  comune, senza fare riferimento ai partiti politici, ma proponendosi alla città come aggregazione civica per il cambiamento. Tali elementi costituiscono il presupposto e gli obiettivi del progetto amministrativo in vista delle elezioni previste nella primavera del 2023 “L’accordo che sta maturando – ha dichiarato Bruno De Vita -nasce e si fonda sulla condivisione dei presupposti e di precisi obiettivi, ma soprattutto sulla convergenza programmatica relativamente alle scelte di fondo necessarie a disegnare un futuro di “rinascita” e rilancio per la città di Taormina”. “Per tale motivo – ha aggiunto Antonio D’Aveni – l’aggregazione non porrà veti, né alcuna esclusione preventiva, anche se è necessario operare un “cambio di passo”.

“Il primo segnale di cambiamento sarà visibile in riferimento al programma – ha spiegato Andrea Raneri – che verrà predisposto con il confronto dei cittadini e con aspetti fortemente innovativi, primo tra tutti l’avvio della predisposizione del documento programmatico ben 18 mesi prima della scadenza elettorale. Nei prossimi giorni sono in programma i necessari approfondimenti e, conclude Salvo Cilona, “avvieremo contatti ufficiali ed incontri operativi con i vari soggetti che hanno manifestato interesse rispetto all’aggregazione, con l’obiettivo di ufficializzarne la nascita entro la fine di luglio”.  

Pubblicato in Politica

La partita è ancora lunga ma il primo tempo si conclude a vantaggio del comune di Taormina.

Il caso del lodo Impregilo tiene da anni il comune di Taormina con il fiato sospeso, una spada di Damocle pronta a colpire ed affondare l’ente locale taorminese.

Nei mesi scorsi la Corte d’Appello aveva dato ragione a Salini-Impregilo riconoscendo al colosso delle costruzioni l’efficacia del decreto ingiuntivo da 28 milioni di euro intrapreso a suo tempo nei confronti del comune di Taormina.

Una sentenza che aveva spinto Palazzo dei Giurati a chiedere la sospensione del procedimento, presentando ricorso in opposizione al giudizio emesso dalla Corte d’Appello.

La sentenza è arrivata nelle scorse ore  e segna un punto a vantaggio del comune di Taormina. Così come abbiamo riportato nella giornata di ieri l a Corte di Appello di Messina, 1 sezione civile, riunita in camera di consiglio presieduta dal magistrato dott.ssa Elvira Patania ha accolto l’istanza di sospensione della esecutività della sentenza contro la quale il comune di Taormina aveva fatto ricorso in Cassazione.

Nella sentenza si legge: “che il pagamento dell’ingente somma richiesta da Impregilo comprometterebbe l’attività amministrativa del comune di Taormina; la sentenza della Corte di cui si chiede la sospensione ha dichiarato l’inammissibilità dell’appello, ma tale pronuncia ha ripristinato la situazione determinata dall’ordinanza del Got (Giudice Onorario di Tribunale) di Taormina che aveva dichiarato definitivamente esecutivo il decreto ingiuntivo; che il giudizio di primo grado di opposizione risulta a tutt’oggi pendente; in ragione della non chiara situazione processuale che si è determinata e dell’ingente entità della somma accertata sussistono gli estremi per la sospensione, tenuto conto delle conseguenze che l’esecuzione potrebbe avere sulla situazione economica e sulla vita amministrativa dell’ente.”

Accanto al cauto ottimismo del primo cittadino Mario Bolognari, registriamo la soddisfazione dell’assessore al bilancio Giuseppe Caltabiano che afferma: “E’ senz’altro un punto a nostro vantaggio di una partita ancora lunga da giocare. Contiamo adesso sulla presentazione della relazione di inizio mandato che rappresenta un atto propedeutico per poter presentare nei prossimi 60 giorni un piano di riequilibrio. L’aggiornamento riguarderà sia l’aspetto quantitativo valutando responsabilmente l’eventuale inserimento prudenziale del Lodo Impregilo oggi valutato dal vecchio piano per 5 milioni. Sia un adeguamento qualitativo basato sulla valutazione delle diverse soluzioni di entrata e di copertura delle passività.”

 

Pubblicato in Attualità

A pochi giorni dal voto che ha decretato Mario Bolognari sindaco della città di Taormina  abbiamo incontrato il primo cittadino già a lavoro a Palazzo dei Giurati.

Tra i primi atti la rinuncia all’indennità di carica, così come vi abbiamo raccontato nei giorni scorsi, l’incontro con i dipendenti comunali, un vertice con gli uomini della polizia locale, la necessità di affrontare il problema legato alla raccolta dei rifiuti solidi urbani dal momento che il 30 giugno scadrà il contratto alla ditta che se ne occupa ma non è ancora pronta la nuova società che dovrò gestire il servizio e si pone dunque  il problema di procedere ad una proroga che la legge consente solo in determinate circostanze. E poi il tema scuole da affrontare e risolvere.

Non vi è dubbio che sul tavolo il neo primo cittadino si è trovato tantissime problematiche da affrontare.

Innanzitutto l’analisi del bilancio comunale. Tra le priorità di Mario Bolognari infatti la necessità di riuscire ad incidere finalmente sulla capacità di recupero delle entrate da parte del comune. Bisognerà poi risolvere la questione delle partecipate ed in particolare dell’asm ed affrontare il tema del piano regolatore generale.

Questioni che attendono risposte da tempo e che la cui risoluzione la città ha affidato con il voto del 10 giugno scorso al progetto di Mario Bolognari.

Molto dipenderà anche dalla squadra di governo che andrà a sostenerlo nei prossimi cinque anni.  

Le consultazioni sono iniziate, si dialoga con tutte le forze politiche in campo che si sono spese per ottenere il risultato che ha riportato Mario Bolognari a Palazzo dei Giurati.

Al momento sono ufficiali solo le designazioni dei due assessori indicati prima del voto, Andrea Carpita ed Enzo Scibilia.

Sul resto della squadra Mario Bolognari non si sbilancia ma assicura: “Per il 26 giugno, giorno in cui è stata convocata la prima seduta del consiglio comunale, la squadra sarà certamente pronta e verrà presentata alla città.”

VIDEO

Pubblicato in Politica

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI