Come si suole dire, buona la prima. Anche se c’è ancora da migliorare molto sotto il profilo dell’amalgama e dell’afflato, l’Asd Volley Letojanni, nella prima uscita stagionale, al Pala “Letterio Barca”, non ha fatto sconti. Contro un Cinquefrondi tosto, ostico e determinato a fare lo sgambetto, i letojannesi hanno dimostrato di essere sulla strada giusta riuscendo ad avere la meglio con un 3 a 0 netto, anche se con qualche sbavatura. La conferma al riguardo arriva dai numeri, impietosi quanto veritieri per quanto espresso sul campo dai ragazzi di coach Bonaccorso. Un risultato che mette di buon umore la società che nel corso della stagione estiva ha costruito una squadra forte, competitiva, pronta ad affrontare la prossima settimana la Gupe Battiati Catania, nella seconda partita del campionato di serie B, girone H. Per il momento, comunque, ci si gode il meritato successo, giunto dopo un’ora e mezza di alzate, schiacciate, difese e contrattacchi. Una gara che iniziava con i padroni di casa subito pericolosi e che andavano sul 5 a 1 nell’arco di poco tempo. I primi minuti davano l’impressione che per il Cinquefrondi ci fosse poca speranza di controbattere all’offensiva letojannese, ma i calabresi non si arrendevano e lottavano su ogni pallone. Malgrado ciò, i locali giungevano sul 9 a 5, prima di essere riagganciati sull’11 a 9. Una serie di errori ospiti e un buon numero di colpi ad effetto del Letojanni portava, poi, quest’ultimo sul 19 a 9. Tutto grazie alle ricezioni di Boscaini e agli attacchi di un ottimo Saraceno, top scorer con 14 punti messi a segno. Ci pensava poi Arena con ben tre ace ad affondare i calabri sul 21 a 11, anche se questi ultimi dimostravano di avere ancora energia dentro e, sfruttando diverse incertezze dei locali avanzavano con un break di 6 punti (22 a 17 per il Letojanni). Alla fine un’invasione e un attacco errato degli ospiti conducevano i ragazzi di Bonaccorso sul 25 a 18. Si andava pertanto al secondo round, con il Letojanni che partiva subito bene, conquistando un 5 a 1 prezioso che veniva però ripreso da Pugliatti e i suoi (6 a 5 per per la Savam). A questo punto salivano in cattedra Saraceno e Boscaini che mettevano a terra i palloni del 9 e del 10 a 6. Il set scorreva  via veloce e sul 13 a 9, il tecnico locale mandava in campo Germanà al posto di Torre (12 punti totali per lui). I bianco blu imprimevano la svolta e arrivavano sul 17 a 10: su questo punteggio Torre rientrava sul parquet, alzando il ritmo della partita e andando sul 20 a 10. Chiudere sul 25 a 12 era poi un gioco da ragazzi: tutto grazie ad una stoccata e ad un ace, entrambe del neo-entrato Nicolosi. A questo punto si doveva soltanto chiudere la contesa con la vittoria anche del terzo set che cominciava con un Letojanni con il freno a mano tirato.  Sul 6 a 4 per i padroni di casa, fuori Boscaini e dentro Nicolosi. Ma, ironia della sorte, il cambio non sortiva alcun risultato, visto che gli ospiti si spingevano avanti e conducevano per 8 a 7. Poi un punto a punto serrato, qualche piccolo accenno di fuga da parte di entrambe le formazioni e Schifilliti e compagni che andavano inaspettatamente in difficoltà. A questo punto, sul 19 a 17, Bonaccorso rilanciava nella mischia Boscaini al posto di Nicolosi. Da qui la svolta: l’Asd Letojanni riprendeva coraggio, riceveva meglio e attaccava più palloni superando il Cinquefrondi sul 20 a 19. Ci pensava poi D’Andrea a firmare il 22 e il 23 a 19, prima di un attacco sbagliato dei calabresi e del missile di Torre per il definitivo 25 a 21. Match non straordinariamente spettacolare ma la prestazione di ieri rappresenta solo un punto di partenza per crescere di più e arrivare pronti al momento clou della stagione.

 ASD VOLLEY LETOJANNI: Torre 12, Saraceno 14, Boscaini 6, Nicolosi 4, D’Andrea 5, Pappalardo 2, Arena 6, Schifilliti 1, Cavalli L, Germanà, Giardina. N. E. Mastronardo G. ALL.: Bonaccorso

 JOLLY CINQUEFRONDI: Remo 2, Pugliatti F. 8, Pugliatti M. 1, Orlando 4, Varamo 2, Diana 7,   Mille 6, Santacroce L1, Puntorieri L2, Spanò 0. N.E. Laurendi, Lo Pedrone. ALL.: Tomaselli.

 SET: 25-18, 25-12, 25-21

 ARBITRI: Lentini e Galletti di Catania

Pubblicato in Sport

Sarà un Mam Villa Zuccaro in cerca di riscatto quello che scenderà in campo sabato 19 alle ore 17,30 al Palabucalo contro le laziali del Gio’ Volley Aprilia. La compagine romana reduce dalla brillante vittoria esterna ( 0-3 ) sul Barattoli Luvo Arzano conta 7 punti in graduatoria con una gara da recuperare ( in casa contro il Marsala ) frutto di due vittorie ed altrettante sconfitte, 8 set vinti e 6 persi. Il team santateresino di rientro dalla sconfitta di Montella conta nove lunghezze in classifica, con tre match positivi e due negativi, 12 parziali ok e 9 ko. Le giocatrici sotto la guida di Antonio Jimenez, coadiuvato da Gianpaolo Marino e Pippo Staiti, in settimana hanno fatto trasparire tutta la voglia di rivalsa dopo la battuta di arresto in terra campana. Massima concentrazione e determinazione alla ricerca dello status ottimale per offrire un’ottima prestazione al pubblico ed ai tifosi sabato prossimo.Intanto la società ha rinfoltito il roster ufficializzando l’ingaggio di Ambra Composto, centrale, che sino allo scorso maggio era uno dei punti di forza del team rossoblu. Dopo aver innziato la stagione a Baronissi – B1 stesso girone – la forte giocatrice palermitana ha rescisso il contratto ed ha fatto rientro nella cittadina jonica accolta a braccia aperte da tutto l’ambiente che non ha dimenticato le doti di trascinatrice della “mulan” santateresina.
Queste le sue parole appena ottenuto il transfer ufficiale dalla federazione ” sono felicissima di far rientro a S. Teresa, avrei avuto il piacere di partire con le ragazze sin dall’inizio ma , adesso che sono di nuovo qui, non importa nulla . Sono arrivata per dare una mano una mano a raggiungere l’obiettivo che la società si è prefissata e voglio dare e fare il massimo “l’ accoglienza che tutti mi hanno riservato – prosegue Ambra Composto – è stata bellissima, un po’ come tornare a casa dopo un viaggio, una breve parentesi che non ha cambiato la stima da parte di nessuno. Il gruppo mi sembra affiatato ed il livello tecnico molto alto: tutti presupposti per fare bene. Non vedo l’ora di cominciare!”.
Sul nuovo innesto in rosa interviene pure il Ds Andrea Caristi che ci dice ” la nostra squadra è già competitiva ma per il nostro obiettivo dobbiamo renderla sempre più competitiva. Appena si è presentata l’opportunità di far tornare Ambra lo abbiamo fatto in meno di 24 ore. Il nostro mercato potrebbe non fermarsi qui. Se si presenteranno situazioni utili alla causa del Mam Villa Zuccaro le valutero’ attentamente”.

Pubblicato in Sport

Visita speciale al Palabucalo per le ragazze allenate da Antonio Jimenez. È' venuto a trovarle un tifoso d'eccezione, un atleta che ha portato in alto nel mondo il nome di S. Teresa sportiva. Stiamo del campione di judo Elios Manzi, santateresino doc molto legato alla squadra di pallavolo femminile della sua cittadina anche perché è' il nipote della vice presidente Rosaria Cundari. Elios è' una promessa nella sua disciplina ed in molti giurano su un futuro ricco di successi a livello internazionale. Con i suoi venti anni è' stato il più giovane judoka del gruppo olimpico azzurro a Rio 2016. Specialista nella categoria 60 kg, dopo aver transitato per la 50 e la 55. Ha già ottenuto parecchi successi e fatto collezione di medaglie. Nonostante un fastidiosissimo infortunio che lo ha accompagnato nel 2015 ed in parte del 2016 è' riuscito a qualificarsi in extremis per i giochi olimpici appena conclusisi. Tra i suoi traguardi più importanti un titolo continentale a Tallin nel 2013 dopo essersi laureato campione italiano nei 55 kg. Nel 2014, passato nella categoria 60, conquista due medaglie d'oro in ambito nazionale. Il giovane campione ha voluto conoscere le giocatrici e lo staff tecnico ed ha formulato a tutti il classico bocca al lupo. Queste le sue parole prima di andare via " sono contento di aver potuto toccare con mano un'altra bella pagina di sport locale. Ho visto un bel gruppo. Le ragazze mi sono sembrate affiatate e sono sicuro che quest'anno faranno bene. Io tifo per loro."

 

Pubblicato in Sport

Il MAM Volley S. Teresa rende nota la conferma del DS Andrea Caristi e del coach Antonio Jimenez. La notizia era già nell’aria ma adesso ci sono i crismi dell’ufficialità. A Caristi spetterà il compito di costruire il team per la prossima stagione. A breve sentirà le prime atlete. Il primo passo del tecnico peloritano è stata la riconferma dell’allenatore uscente Antonio Jimenez. L’allenatore iberico, fortemente voluto da Caristi la scorsa stagione per dare un cambio di rotta, sarà al centro dello sviluppo dell’area tecnica che il DS intende costruire. Non solo B1 nei progetti del duo Caristi-Jimenez ma anche un gruppo di lavoro che costruisca e ricerchi giovani talenti. Un compito arduo ed una sfida che affascina i due attori principali del settore tecnico.
“Nella costruzione del nostro progetto – esordisce Andrea Caristi – non posso non pensare alla ristrutturazione del settore giovanile. Vorremmo creare una struttura parallela a quella della prima squadra. So che è un lavoro duro ma è un obiettivo che mi sono dato e che Jimenez ha sposato in toto. In questa ottica la società dirigerà parte delle proprie risorse, soprattutto umane”.
“Sappiamo che a tutti piace la prima fila o il contatto con la B1 – prosegue l’allenatore della storica promozione in B – ma per la crescita è fondamentale avere dirigenti che mastichino pallavolo da anni e che siano al servizio dei giovanissimi . Per questo in società abbiamo le persone già adatte a svolgere questo compito. A loro tocchera’ gestire i rapporti con lo staff tecnico e con i genitori”.
“Riproporremo come nel mio primo biennio – conclude il tecnico federale – la disponibilità a collaborare con tutti i dirigenti scolastici del territorio per la diffusione e la pratica della pallavolo nelle scuole”.

Pubblicato in Sport

Partita da dentro o fuori per il MAM Volley che sabato 7 alle ore 18,00 in quel di Arzano si gioca l’accesso ai play off per l’A2 contro il Barattoli Luvo. È uno dei due scontri diretti , previsti in questo fine settimana , decisivi per garantirsi la possibilità di lottare per la seconda serie nazionale. Infatti si confrontano in questa ultima giornata del girone D della B1 la seconda, la terza, la quarta e la quinta in graduatoria. L’altro Big match vede il Democos – quarto con 48 punti – fare visita al Volleyrò che occupa la piazza d’onore con 52 lunghezze. Tornando a Luvo-MAM, i campani occupano attualmente il terzo posto con 49 punti, 17 vinte ed 8 perse, 56 set favorevoli e 38 contrari. Il team jonico messinese segue al quinto posto con 47 punti, 16 vittorie e 9 sconfitte, 61 parziali da vincitore e da 42 da sconfitto. Mazzulla e compagne non hanno alternative, devono centrare il risultato pieno e sperare che Cutrofiano non violi il campo di Casal De’ Pazzi. Un finale thrilling che vede tre squadre in lizza per un posto. La settimana di preparazione è stata curata nei minimi particolari dallo staff tecnico capitanato dal coach Antonio Jimenez.
In sala stampa suona la carica Ambra Composto, che è tra quelli che ci ha creduto più di tutti e mai ha abbandonato le speranze di accedere ai play off, nemmeno all’indomani della sconfitta contro Terracina quando tutto sembrava finito.
Queste le sue parole da vero leader ” ci giochiamo il tutto per tutto per entrare nei play-off, sperando che gli altri scontri delle dirette interessate siano a noi favorevoli. L’impegno e l’attenzione dovranno essere massimi, abbiamo studiato bene l’avversario e sappiamo quanto loro siano cariche e temibili soprattutto giocando in casa”,
“Sono del parere – prosegue la forte centrale palermitana – che siamo noi il nostro peggior nemico, siamo noi a fare il buono ed il cattivo tempo, la storia di questo campionato ce l’ha dimostrato. Quindi dovremo essere precise ed attente nell’attuale la tattica preparata. Ce la metteremo tutta, i play off non ci sono preclusi!!”.

Pubblicato in Sport

Vittoria che lascia l'amaro in bocca per il MAM Volley S. Teresa che non è' riuscita a chiudere una partita che sembrava essere abbondantemente alla sua portata. Primo e terzo set con una larga supremazia e avanti anche sul quarto, ma la vittoria è' arrivata solo al tie break. In fase iniziale Jimenez preferiva Sara Ruberti a Valentina Facco che in settimana aveva accusato un risentimento al polpaccio. Il primo set era una pura formalità con un punteggio disarmante ( 25-12 ) che faceva presagire ad un tre a zero facile. Ospiti mai entrati in agone ed una caterva di errori consegnavano il game al S. Teresa. Il secondo parziale vedeva MAM avanti sia al primo ( 8-7 )che l-al secondo pit stop tecnico ( 16-13 ). L'Europea raggiungeva il pari sul 19-19. Alcuni errori delle giocatrici locali erano decisivi per il 22-25 e l'uno a uno. La terza frazione di gioco consegnava in partenza un MAM insicuro che continuava a commettere errori. Sul 4-7  il coach siciliano rischiava la Facco che prendeva il posto di una volitiva Ruberti che però mancava da troppo tempo dai campi di gioco. La reazione delle santateresine, sospinte dalla " torcida " degli Eagles, era rabbiosa e riagguantato il pari sul 10-10 allungavano per il 16-11 ed il 25-16 che valeva il 2 a 1. Il quarto set iniziava con il MAM avanti facile - 6 a 1 - ma l'Isernia recuperava ed al primo stop tecnico si giungeva sull'8-6. Le molisane raggiungevano la parità sul 9-9 per passare avanti prima sul 10-11 e poi sul 13-14. Ma al secondo pit Mazzulla e compagne erano avanti sul 16-13.  Break di cinque punti pro Isernia che valeva il 16-18. Controbreak Mam e 19-18. Allungavano le ospiti sul 19-22. Jimenez  cercava di sfruttare la battuta in salto di Sara Cortelazzo che faceva rifiatare un'ottima Nellina Mazzulla autrice di una prestazione maiuscola in difesa e attacco. L'esperimento non sortiva gli effetti sperati e sul 20-23 rientrava la giocatrice di Villafranca. L'inerzia del set ormai era  appannaggio dell'Europea che chiudeva sul 22-25 . Si andava così al tie break, nel corso del quale le atlete rossoblu conducevano dall'inizio alla fine. Prima sul 5-2, si girava sull'8-6 e si chiudeva sul 15-9 tra gli applausi del pubblico accorso numeroso come al solito.
Nonostante le attenuanti di una Facco non in perfette condizioni e di una Cortelazzo e Ruberti lontane dal loro standard fisico ottimale. resta il rammarico per aver gettato alle ortiche la vittoria piena che appariva non proibitiva. La squadra ha dato l'impressione nel secondo e nel quarto parziale di subire dei cali di tensione ed una volta trovatasi sotto è' stata sopraffatta dalla paura di perdere e di sbagliare. Forse in quei momenti manca la giocatrice in grado di prendere in mano la squadra e rimettere il match nella direzione giusta. La vittoria comunque serve a ridare morale alla squadra dopo i due stop consecutivi subiti ad opera di Marsala ed Aprilia. Di sicuro la compagine cara ai Presidenti Racco e De Caro non può permettersi allo stato attuale di mollare e staccare il piede dall'acceleratore.

 

 TABELLINO



MAM VOLLEY S. TERESA - EUROPEA 92 ISERNIA 3-2 ( 25-12 22-25  25-16  22-25  15-9 )


MAM VOLLEY S. TERESA : Vico 12, Rotondo 9, Agostinetto 8, Mazzulla 14, Composto 14, Ruberti 7, Pietrangeli ( L ), Facco  6, Cortelazzo, Caruso, Bilardi, Saporito, Orlando, Triolo ( L2 ). ALL : Jimenez

EUROPEA 92 ISERNIA : Padua 12, Monitillo 9, Taddei 12, Vanni 10, Giroldi 2, Morone 17, Boffa ( L ), Trevisol, Tomasetti, Miuzzo 1, Bernava. ALL : Montemurro


ARBITRO : Pampalone da Palermo     SECONDO : Tanania da Palermo

Pubblicato in Sport

Riprende sabato 26 alle ore 18,00 il cammino del MAM Volley che va a fare visita al  Gio' Volley Aprilia in una delle trasferte più ostiche del campionato. La squadra romana, che in casa è' un rullo compressore, occupa il secondo posto in classifica con 33 punti, 11 vittorie, 5 sconfitte, 37 set vinti e 26 persi. Il team santateresino risponde con 30 punti che valgono il quarto posto -  ex-equo con Arzano - in graduatoria. 9 sono le vittorie, 7 le sconfitte di cui 4 al tie break. 38 parziali favorevoli e 27 contrari. Le giocatrici rossoblu giungono allo scontro al vertice dopo la bella prestazione contro la Sigel nel corso della quale hanno sfiorato l'impresa di imporre l'alt  alla capolista. Aprilia invece è' reduce dalla sconfitta in trasferta contro il Napoli. All'andata vinsero facile le messinesi in un match senza storia. Ma il Gio' Volley tra le mura amiche è' una squadra senza difetti e Mazzulla e compagne dovranno giocare la gara perfetta se vogliono ritornare a casa con un risultato utile. Tutte disponibili le giocatrici a disposizione del tecnico siciliano Antonio Jimenez.
Si concede ai taccuini Simona Rotondo, centrale al primo anno a S. Teresa e reduce dalla scalata in A2 con Palmi. "Incontriamo una delle squadre più  abili  a sfruttare al massimo il fattore campo. Un avversario temibile che gara dopo gara ha consolidato la sua posizione in classifica e che occupa meritatamente la piazza d'onore. Noi comunque non lasceremo nulla di intentato per dare continuità alle nostre ultime prestazioni. Faremo il possibile e l'impossibile per dare una gioia ai nostri fantastici tifosi che anche in questa trasferta saranno al nostro fianco".

Pubblicato in Sport
Svaniscono sulla rete dopo l'attacco di una ottima Valentina Facco i sogni del MAM Volley di aggiudicarsi il derby di Sicilia contro la fortissima capolista Sigel Marsala dopo cinque set ed una gara da sconsigliare ai cardiopatici che si è' conclusa solo all'ultima curva, purtroppo fatale per i padroni di casa.  Al di là' del risultato è' stata una vera e propria festa dello sport con il Palabucalo gremito come non mai. I vincitori morali sono i tifosi degli Eagles che hanno lavorato notte e giorno tutta la settimana per preparare la coreografia ed i cori. Alla fine hanno battuto le mani alle proprie beniamine ed anche alle avversarie ricevendo dalle stesse i complimenti per la passione e la sportività.  Ritornando alla gara, contesa aperta con due set per parte vinti nettamente ed il quinto ricco di ribaltamenti di fronte giocato sul filo di lana che ha dato ragione alle lillibetane. Antonio Jimenez schierava la formazione delle ultime giornate con capitan Mazzulla in P4 al fianco di Vico, Composto e Rotondo dal centro, Facco opposto, Agostinetto in regia con Pietrangeli Libero. Le padroni di casa partono avanti sul 5-3, ma la reazione della prima della classe non si fa aspettare e ci si ferma sul 6-8. Sul 7-11 infortunio per il libero Federica Pietrangeli che è' costretta ad uscire , su di lei subentra Verdiana Saporito con Mazzulla che  la sostituisce nel ruolo. Fortunatamente nulla di grave per la giocatrice laziale che  rientra sul tappeto di gioco  sul 10-16 per poi risultare tra le migliori in campo a fine gara.  Nonostante qualche segnale di recupero il parziale è' compromesso ed il 20-25 decreta lo 0-1 pro Sigel.  La seconda e terza frazione di gioco regalano ai tanti appassionati un MAM reattivo ed organizzato pronto a rimettere la partita in gioco. Si cresce nel fondamentale della battuta - deficitaria nel primo tempo di gioco - e per le trapanesi cominciano i problemi. Il secondo set si chiude con un largo vantaggio delle atlete rossoblu che se lo aggiudicano per 25-13. Un miracoloso recupero in volo di Federica Pietrangeli sul finale  rischiava di far venire giù la struttura metallica del palazzetto di Bucalo impazzito di gioia per il gesto atletico e tecnico. Il parziale successivo era la prosecuzione tattica di quello precedente con il MAM sempre avanti prima sull'8-5, poi sul 16-13 ed infine sul 25-19 che vale il sorpasso nel conteggio set, 2-1. Sul 19-17 faceva il suo ingresso in campo Verdiana Saporito nel tentativo di sfruttare il suo turno di servizio. Nel quarto set venivano fuori le marsalesi dimostrando di meritare il primato in graduatoria. Sospinte da una Jessica Panucci inesorabile ( 20 punti per lei ) le giocatrici di Campisi si aggiudicavano facile la disputa parziale e con un netto 13-25 si portavano sul due pari. Sul 9-16 Saporito subentrava a Vico, sul 13-22 Bilardi a Rotondo e sul 13-23 Caruso ad Agostinetto. Si arrivava al tie break ed era un susseguirsi di emozioni. Marsala avanti 0-3, time out locale. Reazione MAM ( 7-4 ) e time out ospite. Si gira sull'8-5. Break di 5-0 pro Sigel e 10-8. Parità sul 10-10. S. Teresa avanti sul 13-12. Un tris delle trapanesi segna l'epilogo del match dopo due ore e mezzo di battaglia ed il numerosissimo pubblico che lasciava la palestra soddisfatto . Nel MAM sempre sugli scudi Ambra Composto a tratti devastante e sempre presente a muro, in fast e nella veloce dal centro. Per lei molto bene anche in servizio. 19 punti per Valentina Facco che si conferma gara dopo gara. Ottimo lavoro anche per il Capitano Nelly Mazzulla, una certezza dietro che è' apparsa in grande ascesa pure in attacco con  13 marcature finali.
A fine gara interviene il presidente Giovanna De Caro che ci dichiara " la squadra ha dato tutto quello che aveva e per questo siamo soddisfatti. Oggi abbiamo assistito ad uno spettacolo che dire emozionante è' poco. Vedere un pubblico così numeroso e sportivo riempie i cuore di gioia ed è' uno stimolo per fare sempre meglio. La squadra è in crescita e siamo fiduciosi per il futuro".

  TABELLINO

MAM VOLLEY S. TERESA - SIGEL MARSALA 2-3 ( 20-25. 25-13. 25-19. 13-25. 13-15 )

MAM VOLLEY : Vico 8, Facco 19, Rotondo 7, Agostinetto 1, Mazzulla 13, Composto 16, Pietrangeli ( L ), Bilardi, Caruso, Saporito, Ruberti, Cortelazzo, Orlando, Triolo( L2 ). ALL : Jimenez

SIGEL MARSALA : Panucci 20, Agola 7, Macedo 11, Mordecchi 6, Biccheri 13, Pinzone 5, Marinelli ( L ), Patti 1, Salzano, Spano', Marino. ALL : Campisi.

ARBITRO : Cavalieri da Lamezia Terme.  SECONDO :  Rizzica da Lamezia Terme
Pubblicato in Sport
Big match sabato 20 alle ore 18,00 al Palabucalo dove il MAM volley S. Teresa ospiterà la capolista Sigel Marsala. Sarà la squadra meglio attrezzata del campionato ed ormai avviata alla vittoria finale del girone D della B1 femminile a fare visita al team santateresino reduce da un tris di vittorie. La capolista Sigel occupa - con 40 punti in 15 gare  - il primo posto in graduatoria con 13 vittorie, 2 sconfitte , 42 set vinti e soltanto 11 persi. Il MAM con 29 punti staziona al quarto post ex-equo insieme all'Arzano. Nove sono le vittorie per le messinesi e sei le sconfitte. 26 parziali positivi e 24 negativi. La settimana è' stata intensa come al solito con Antonio Jimenez che ha tenuto  alta l'attenzione delle sue giocatrici che saranno tutte disponibili comprese Sara Ruberti e Sara Cortelazzo ormai rientrate definitivamente in gruppo. All'andata fini' 3 a 1 per Marsala in una gara in cui S. Teresa rimase fermo nei primi due set e poi si riscatto' nel terzo e quarto parziale . Adesso dopo un intero girone,  Sigel ha consolidato il proprio vantaggio dando continuità  ai propri risultati. Il S. Teresa, assorbito il cambio di tecnico, acquisisce sempre più i connotati di squadra coriacea pronta a dare battaglia ad ogni avversario e sarà così anche contro le fortissime  trapanesi che godono dei favori del pronostico della vigilia. Si preannuncia il pubblico delle grandi occasioni con i tifosi degli Eagles in pieno fermento alla ricerca della 'ennesima impresa nel fortino del Palabucalo.
In sala stampa nel pre gara il capitano Nelllina Mazzulla " Ci troveremo di fronte una corazzata che merita il primo posto in classifica, ciò nonostante noi siamo pronte a dare battaglia e a non mollare nemmeno un centimetro per non lasciare nulla di intentato. Lasceremo  tutto quello che abbiamo in corpo sul terreno di gioco di fronte al nostro straordinario pubblico".   " Ho bei ricordi della mia esperienza marsalese - conclude la giocatrice di Villafranca - due anni meravigliosi culminati con una promozione in serie A".

 

Pubblicato in Sport

Antonio Jimenez, 47 anni, spagnolo da parecchi anni in Italia, è il nuovo allenatore del MAM Volley S. Teresa . Per lui un curriculum sportivo ricco. Dopo una brillante carriera da atleta nel campionato iberico con circa 130 presenze nelle varie categorie della nazionale ha iniziato ad operare da allenatore sempre in Spagna con parecchi successi. Nel 2004/2005 l’approdo in Italia come allenatore del Castellana Grotte, serie B1 femminile quarto posto finale e terzo posto nella Coppa Italia Nazionale. L’anno successivo sempre B1 a Lamezia Terme, quinto posto. 2006/07 a Pontecagnano in serie B2 con promozione nella terza serie nazionale. L’anno dopo stessa sede e quarto posto in B1. Nel 2008/2009 ancora a Pontecagnano con la storica promozione in serie A2, categoria nella quale nella stagione successiva centra un meritorio settimo posto. Nel 2010/2011 ancora serie B1 nello Scafati. Negli ultimi anni per scelta personale si è dedicato alla cura dei settori giovanili. L’accordo per lui è sino alla fine della stagione con opzione anche per la prossima.
Queste le prime dichiarazioni del neo allenatore “Sono contento per la opportunità data della società santa Teresa riva di affidarmi la squadra !!!! Spero che con lavoro e impegno si riesca a raggiungere l’obbiettivo prefissato”.
“Cambiare tecnico – spiega Andrea Caristi – in corsa non è mai facile, specie dopo tre vittorie consecutive. Noi lo stiamo facendo, anche alla vigilia di un mese veramente impegnativo e tosto perché abbiamo di seguito CDP, Arzano la pausa e poi Maglie. Diamo ad Antonio il benvenuto mettendolo subito alla prova. Crediamo molto nelle sue capacità tanto da aver firmato con lui un contratto fino a fine stagione ma con opzione per il prossimo anno”.

Pubblicato in Sport
Pagina 1 di 2

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI