Redazione

Redazione

Si riaccende la passione per il teatro nella riviera jonica messinese. Dal 22 ottobre si alzerà il sipario sulla seconda stagione di “Passione TeatroOn”, la rassegna organizzata dall'associazione culturale Sikilia - Teatro, Musica, Danza. Gli otto titoli, uno al mese fino a maggio prossimo, saranno ospitati al Teatro Val d'Agrò di S. Teresa di Riva. Ogni spettacolo andrà in scena di sabato con replica pomeridiana il giorno dopo.

“È una gioia per la nostra associazione – sottolinea la direttrice artistica, Cettina Sciacca – lavorare in questo piccolo gioiello ed è un onore per me dirigerlo. Sperando di non deludere le tantissime attestazioni di stima che ci sono giunte dal pubblico e dagli operatori del settore che hanno già frequentato il teatro lo scorso anno. Il nuovo cartellone è pensato per tutti. Con spettacoli tra loro molto diversi e compagnie di grandissimo talento. Non mancheranno i fuoriprogramma – conclude Cettina Sciacca – per arricchire e rendere indimenticabile questa nuova stagione”.

Si comincerà (22 e 23 ottobre) con l'adattamento in siciliano di“Filumena Marturano”, classico intramontabile di Eduardo De Filippo. In scena Maria Saccà nel ruolo della protagonista, uno dei più vivi ed intensi personaggi femminili della drammaturgia italiana, e Pietro Barbaro, nei panni di Domenico Soriano, l'uomo di cui Filumena è pazzamente innamorata. Un altro grande capolavoro del teatro italiano, il “Il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello, sarà proposto il 26 e 27 novembre. Salvo Saitta sarà uno straordinario Ciampa: consapevole ma guardingo, pronto a sfuggire dalla convenzione della recitazione verso la metafora e la considerazione psicologica. Una vera controfigura di Pirandello. L'omaggio del talentuoso Marco Cavallaro alle opere di Garinei e Giovannini porterà al Teatro Val d'Agrò la freschezza della commedia leggera musicale italiana. “That's Amore”, in programma il 10 e l'11 dicembre, è uno spettacolo divertente ma pieno di contenuti. Una favola moderna sul precariato, sulle nuove tecnologie e sul bisogno d'amarsi per affrontare la vita. Ancora risate e spensieratezza con “Allegro Allegro” di Antonello Costa, showman tra i più originali del panorama nazionale. Un comico di classe, una soubrette e due ballerine sono gli ingredienti del suo nuovo spettacolo, che sarà messo in scena nell'accogliente cornice santateresina il 21 e 22 gennaio. A febbraio (25 e 26) si cambia genere con la riduzione e l'adattamento per pupi catanesi della “Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni. La storica compagnia dei Fratelli Napoli farà rivivere, attraverso l'arte dell'Opera dei Pupi, una fosca vicenda d'amore e tradimento, vendetta e sangue. Nasce da un romanzo di Filippo Fratantoni lo spettacolo della Compagnia Sikilia, “La corona di rose”, che andrà in scena al Teatro Val d'Agrò il 25 e 26 marzo. Il testo, riadattato da Cettina Sciacca, che ne firma anche la regia, racconta dell'amore sfortunato tra due giovani durante il periodo storico della cacciata dei Borboni e lo sbarco dei garibaldini in Sicilia. Un uomo, una donna, il mare e la lingua siciliana: “Mari” di Tino Caspanello, in scena assieme a Cinzia Muscolino, è un piccolo gioiello del teatro contemporaneo. Lo spettacolo è in programma il 29 e 30 aprile. Il sipario su “Passione TeatroOn”, rassegna patrocinata dal Comune di S. Teresa di Riva, calerà il 20 e 21 maggio. E sarà una vera e propria festa di ‘fine stagione’ con la compagnia “Il Gatto Blu” di Gino Astorina. In “Soggetti smarriti” lo storico gruppo comico catanese darà vita ad una serie di personaggi così veri da sembrare finti. Tutti gli spettacoli sono già in prevendita, anche in abbonamento. Per info e biglietti, 339.2727905 oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

I Carabinieri della Stazione di Santa Teresa di Riva con l’ausilio di quelli dell’Aliquota Radiomobile, della Stazione di Letojanni e della Stazione di Sant’Alessio Siculo, nell’ambito dei servizi tesi a prevenire e reprimere reati contro il patrimonio disposti dal superiore Comando Compagnia di Taormina hanno tratto in arresto Janashia PRIDON, classe 74 e Nika GVANTSELADZE, classe 1989, due cittadini georgiani, pregiudicati, residenti a Reggio Calabria per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate,  danneggiamento aggravato di beni dello stato, ricettazione nonché deferiti in stato di libertà per violenza e oltraggio a pubblico ufficiale, possesso ingiustificato di chiavi alterate per eludere l’antitaccheggio, rifiuto di sottoporsi all’alcoltest, rifiuto di sottoporsi al drug test e guida senza patente.

I Carabinieri di Santa Teresa di Riva dopo una segnalazione giunta presso la locale Centrale Operativa di Taormina  intervenivano in Furci Siculo poiché stava transitando un’autovettura sospetta il cui conducente stava compiendo delle manovre azzardate e pericolose per la circolazione stradale. Il conducente accortosi della presenza dei Carabinieri tentava dapprima di speronare i militari per darsi a repentina fuga ma veniva immediatamente bloccato dai militari operanti, che con l’autovettura di servizio sbarravano la strada ai malviventi che erano costretti a scendere dal proprio veicolo. Nel frattempo giungevano altre tre pattuglie di rinforzo, rispettivamente dell’Aliquota Radiomobile di Compagnia, della Stazione di Sant’Alessio Siculo e della Stazione di Letojanni.

Gli arrestati a causa dell’alterazione psicofisica dovuta alla troppa ingestione dell’alcool inveivano nei confronti degli Carabinieri operanti andando in escandescenza ed in particolare il conducente, che dopo aver procurato delle lesioni ad un militare, colpiva violentemente con la testa il finestrino dello sportello posteriore sinistro dell’autovettura di servizio con colori d’istituto mandandolo in frantumi. Giunti i rinforzi si procedeva a perquisizione personale e veicolare.

Durante le operazioni i militari rinvenivano sottoponendo a sequestro: vari telefonini, tablet, diversi profumi sigillati, diversi paia di occhiali da sole e da vista, bottiglie di liquori, computer portatile di sicura provenienza furtiva, ancora veniva trovata una borsa schermata che permette di non far suonare i sistemi antifurto posti nelle attivita’ commerciali ed un attrezzo utilizzato per togliere l’anti-taccheggio ai prodotti asportati.

Sulla persona del conducente inoltre veniva rinvenuto un involucro con grammi 0,50 di sostanza stupefacente del tipo marijuana per cui i malviventi sono stati segnalati con apposita  comunicazione alla prefettura di Messina.

I due arrestati inoltre , privi di patente, si rifiutavano di sottoporsi agli accertamenti di alcool e droga.

Presso il Comando Arma, dove erano stati condotti i due arrestati, interveniva personale sanitario del “118” che visitava il conducente dell’autoveicolo a cui non veniva riscontrata alcuna patologia, mentre un Carabiniere intervenuto a causa della colluttazione durante le operazioni di polizia riportava un “trauma distorsivo al polso sinistro” giudicato guaribile in diversi giorni salvo complicazioni.

Gli arrestati ultimate le formalità di rito sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Taormina in attesa di essere giudicati con rito direttissimo innanzi all’autorità giudiziaria competente.

Il Parroco della Parrocchia Santa Maria del Carmelo in Santa Teresa di Riva comunica che: “A causa della concomitanza dell’immissione canonica, da parte dell’Amministratore Apostolico Mons. Benigno Luigi Papa, del nuovo Parroco della Parrocchia Sacra Famiglia in Santa Teresa di Riva, don Francesco Broccio, che avrà luogo Sabato 15 ottobre alle ore 18.00, per favorire la partecipazione di tutti i fedeli santateresini, che le desiderano, a questo evento, e far si che tutti i devoti della Madonna Pellegrina della Madonna di Fatima possano partecipare alla Processione Aux Flambeaux, senza dover scegliere se partecipare ad un evento o ad un altro, rendo noto che la stessa processione sarà anticipata a GIOVEDI’ 13 OTTOBRE ALLE ORE 19.00 con il seguente itinerario: Piazza Santa Maria del Carmelo, Via Regina Margherita (lato Messina), Via Regina Margherita (verso Catania), Via Fiorentino, Via Santi Spadaro, Via Sparagonà (a salire, fino all’icona della Madonna del Carmelo), Via Sparagonà (a scendere), Via Regina Margherita (lato Catania), Via Francesco Crispi, Piazza Santa Maria di Portosalvo, Via Francesco Crispi (lato Messina), Via Regina Margherita, Piazza Santa Maria del Carmelo”.

 

I Carabinieri della Compagnia di Taormina tra il fine settimana scorso e l’inizio settimana dopo aver intensificato i controlli tesi alla prevenzione e repressione dei reati in genere ma soprattutto di quelli contro il patrimonio hanno notificato ad un soggetto italiano trentacinquenne di Limina (ME) un ordine di esecuzione per la carcerazione poiché dovrà scontare un residuo di pena di 4 mesi e 9 giorni per il reato di dichiarazioni mendaci rese a pubblico ufficiale nell’anno 2009.

A Francavilla di Sicilia invece i militari della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio una ragazza trentenne, volontaria presso un’associazione poiché fermata per un normale controllo di polizia i militari hanno notato nell’abitacolo della sua vettura tracce di probabile sostanza stupefacente. Estesa la perquisizione anche all’interno dell’abitazione i militari rinvenivano, sottoponendoli a sequestro, 14 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana abilmente occultati all’interno di due contenitori di latta posti sopra al comodino della propria stanza da letto.

In Gaggi, i militari della Stazione Carabinieri di Graniti hanno deferito in stato di libertà un settantacinquenne insospettabile per ricettazione poiché in seguito ad un controllo presso la sua abitazione i militari hanno rinvenuto un autoveicolo privo di targhe. I Carabinieri della Stazione per vederci chiaro hanno fatto ulteriori accertamenti sino a capire che quell’autovettura fosse oggetto di furto ed asportata in Catalabiano nello scorso mese di gennaio.

I Carabinieri di Santa Teresa di Riva, infine,  hanno denunciato in stato di libertà un cittadino italiano quarantenne residente a Messina per violazione colposa di doveri inerenti alla custodia di cose sottoposte a sequestro poiché in seguito ad un controllo alla circolazione stradale, l’uomo è stato sorpreso alla guida della propria autovettura già sottoposta a sequestro amministrativo.      

Educazione ambientale e rispetto dei principi di conservazione del patrimonio naturalistico. Sono stati questi i temi della “festa del mare” vissuta stamattina da oltre 80 studenti provenienti dall’Istituto comprensivo “Luigi Capuana” di Giardini Naxos e dell’Istituto comprensivo di Taormina grazie alla giornata ecologica “Un Mare da Amare” nella Riserva naturale orientata Isola Bella gestita dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania.

Un’iniziativa, giunta alla quarta edizione, organizzata dalla sezione di Giardini-Taormina della Lega navale italiana in collaborazione con il Cutgana, Parco archeologico di Naxos, Guardia costiera di Giardini Naxos, Sea Spirit Diving Resort e dalla nota catena alberghiera Belmond Hotel presente nel territorio della “Perla dello Jonio” con due strutture.

“La giornata di oggi ha permesso agli studenti di approfondire la conoscenza della riserva naturale e del particolare valore naturalistico e paesaggistico che rappresenta nel mondo oltre alle attività di gestione dell’area protetta realizzate dal Cutgana, ente gestore dell’area protetta, finalizzate alla valorizzazione e alla conservazione dell’Isola Bella con lo sviluppo socio-economico dell’intero territorio” ha spiegato la direttrice della riserva naturale Anna Abramo alla presenza del presidente della Lni Giardini-Naxos Giuseppe Taibi, del comandante dell’Ufficio locale marittimo di Giardini Naxos Roberto Cosimo Arizzi e del direttore della riserva naturale “Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi” Domenico Catalano gestita dal Cutgana.

Ad accompagnare gli studenti le docenti Rossella Siciliano (Ic Taormina) e Daniela Nocera (Ic Giardini) degli istituti diretti da Carla Santoro e Maria Concetta D’Amico.

Sulla spiaggia gli studenti hanno trovato pochi rifiuti, solo qualche tappo di bottiglia e alcuni sacchetti di plastica trascinati a riva dal mare “frutto delle costanti operazioni di pulizia condotte dal personale del Cutgana” ha aggiunto Anna Abramo.

“L’iniziativa nata per bonificare la spiaggia antistante l’Isola Bella è stata così trasformata in una lezione di educazione ambientale, buona gestione del bene ambientale e di presidio di legalità” ha concluso il direttore della riserva naturale orientata Isola Bella.

 “L’iniziativa rientra nell’ambito del Progetto scuola 2016 rivolto alle istituzioni scolastiche e finalizzato alla sensibilizzazione della collettività, ed in particolare dei giovani, e al rispetto e alla salvaguardia dell’ambiente marino – ha spiegato Giuseppe Taibi – gli studenti, grazie alla visita di oggi lungo la costa dell’Isola Bella hanno potuto comprendere gli effetti dannosi prodotti dall’inquinamento della spiaggia e del mare”.

Sabato 15 ottobre, alle ore 18.30, presso l'Aula Magna del Liceo "Caminiti-Trimarchi" di Giardini Naxos, organizzato dall’Associazione Azione Cattolica di Giardini Naxos,  si terrà il primo incontro pubblico dell'itinerario di riflessione orientato alla formazione ad una cittadinanza consapevole.    "Referendum costituzionale: la responsabilità di un voto consapevole   sarà il tema dell'incontro in programma che, per l'appunto, tratterà il tema proposto dalla consultazione referendaria del prossimo 4 dicembre. Interverranno:  Prof. Luigi D'Andrea, Ordinario di Diritto costituzionale presso l'Università di Messina e il Prof. Alessandro Morelli, Ordinario di Diritto costituzionale presso l'Università di Catanzaro.                                                           

I due docenti si confronteranno sulle due posizioni in campo: quella per l’approvazione e quella per il rigetto della Riforma Costituzionale.

Per il sesto anno consecutivo il volontariato di Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme campagna di comunicazione nazionale sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Il weekend del 15 e 16 ottobre 7.000 volontari e volontarie di protezione civile allestiranno punti informativi “Io non rischio” in circa 700 piazze distribuite su tutto il territorio nazionale per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto. A poco meno di due mesi dal sisma che ha colpito il centro Italia il mondo del volontariato, che insieme al Servizio Nazionale della Protezione Civile è in prima linea nella gestione dell’emergenza, si farà portavoce delle buone pratiche di prevenzione dei rischi. Sabato 15 e domenica 16 ottobre, in contemporanea con altre piazze in tutta Italia, i volontari dell’associazione RADIO VALLE ALCANTARA a Taormina e del GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE a Giardini-Naxos partecipano alla campagna con un punto informativo “Io non rischio” allestito a Taormina in Piazza IX Aprile ed a Giardini-Naxos in Piazza San Pancrazio per incontrare la cittadinanza, consegnare materiale informativo e rispondere alle domande su cosa ciascuno di noi può fare per ridurre il rischio alluvione e terremoto. “Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica. L’edizione 2016 coinvolge volontari e volontarie appartenenti alle sezioni locali di 27 organizzazioni nazionali di volontariato di protezione civile, nonché a gruppi comunali e associazioni locali. L’elenco dei comuni interessati dalla campagna il prossimo 15 e 16 ottobre è online sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, dove è inoltre possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto.

Attivazione di opportune verifiche ispettive su tutto il territorio siciliano per contrastare il crescente fenomeno del lavoro nero e sommerso nel comparto turistico. Così la Regione Sicilia ha risposto alla espressa richiesta di intervento presentata nelle scorse settimane dalla Fisascat Cisl Sicilia, in allarme dopo la presentazione degli ultimi dati Inps sull’occupazione e sul lavoro precario.

«Con il mandato al dipartimento competente ad attivare le verifiche ispettive la Regione Sicilia ha accolto la nostra richiesta finalizzata a fronteggiare il lavoro irregolare purtroppo sempre più frequente nel Mezzogiorno» ha dichiarato il segretario generale della categoria regionale Mimma Calabrò.

«Un fenomeno che riguarda prevalentemente i 25mila lavoratori stagionali della nostra Regione» ha sottolineato il segretario generale aggiunto della Fisascat Cisl Sicilia Pancrazio Di Leo. «A fronte di una battuta d’arresto del 30% per le assunzioni stabili il dato sull’utilizzo dei voucher ha addirittura superato il 52% e le assunzioni correlate alla garanzia giovani sono solo il 5% rispetto alla richiesta di attivazione» ha aggiunto il sindacalista sottolineando un altro aspetto legato al sostegno al reddito.

«Non dimentichiamo che chi ha un lavoro irregolare non matura neanche i requisiti per l’accesso al sussidio di disoccupazione Naspi, quest’anno già drasticamente ridotto per durata e importo pur con il potenziamento assicurato dal decreto correttivo al Jobs Act varato nelle scorse settimane» ha stigmatizzato Pancrazio Di Leo. «Auspichiamo anche su questo tema che il dibattito parlamentare apra ad una soluzione strutturale che riconosca nella stagionalità una peculiarità del lavoro nel comparto turistico» ha aggiunto. «Ma prima è necessario ricondurre nella stabilità occupazionale i rapporti di lavoro in questa Regione e soprattutto nell’area di Taormina – Giardini Naxos dove operano circa 10 mila lavoratori stagionali, spesso costretti alla precarietà con tutte le conseguenze che ne derivano a cominciare dalla perdita del sussidio di disoccupazione» ha concluso il sindacalista.

I Gruppi di Protezione Civile: G. C. di Furci Siculo e Giubbe D’Italia Sez. di Antillo di cui ne sono rispettivamente i coordinatori Stefano Morales e Vincenzo Sturiale, hanno organizzato nei giorni 7 ed 8 ottobre, a Savoca e Casalvecchio Siculo, col patrocinio del Dipartimento Regionale di Protezione Civile e dei Comuni ospitanti, un’esercitazione di Protezione civile.

Lo scopo dell’esercitazione è stato il valutare l’apparato operativo dei due Gruppi nell’organizzazione dell’evento, e verificare le capacità operative di tutti i volontari partecipanti ad intervenire con efficacia ed efficienza, ed inoltre aumentare e/o consolidare la conoscenza interpersonale e professionale. All’esercitazione con la presenza dei Dirigenti del D.R.P.C. di Messina, hanno partecipato inoltre, i Gruppi Comunali di Forza D’Agrò, Itala e Scaletta Zanclea, la CRI sez. di Roccalumera, l’ASP Messina, e i G.C. di Savoca e Pagliara nella qualità di uditori in quanto non ancora in possesso di decreto.

In Numeri: Nel campo base sono state montate: 3 tende per alloggiamento notturno dei volontari; 1 tenda pneumatica adibita a PMA; 1 tendo-struttura adibita a mensa; 1 gazebo per sala operativa/radio; 1 gazebo per segreteria. Sono state effettuate le seguenti esercitazioni: - montaggio e smontaggio campo base; - 3 evacuazione plessi scolastici; - 1 recupero “figurante in stato confusionale” con ausilio del nucleo rocciatori; - 3 ricerche e soccorso dispersi con ausilio delle squadre di ricerca, cinofila, e sanitaria; - 1 esercitazione teorica/pratica sull’utilizzo del modulo antincendio; - 1 esercitazione di recupero belle arti preso la chiesa di san Michele in Savoca; - varie dimostrazioni teorico/pratiche di first risponder sanitario.

Volontari Impegnati 59  tra medici, professionisti e operatori.  Il lavoro di tutti i volontari è stato brillante sin dal principio, ed è continuato senza intoppi sino alla fine.

I rapporti tra i volontari sono stati di collaborazione, amicizia ed interscambio di esperienze. Gli obiettivi prefissi sono stati pienamente raggiunti e superati.

A conclusione delle due giornate si è svolto un convegno presso l’abbazia SS. Pietro e Paolo in Casalvecchio Siculo, con la partecipazione del DRPC di Messina e degli ordini professionali degli Architetti, Ingegneri, Geologi e Geometri della provincia di Messina, sul tema della prevenzione e sicurezza sismica dei centri storici jonici – pianificazione e gestione delle emergenze - evoluzione del volontariato nel comprensorio jonico. In questa sede sono, inoltre, stati esposti i risultati delle verifiche di vulnerabilità degli edifici pubblici effettuate nei centri storici di Savoca e Casalvecchio Siculo, in occasione di questa esercitazione.

Stefano Morales e Vincenzo Sturiale, soddisfatti per l’ottima riuscita dell’evento, ringraziano tutti i volontari intervenuti ed in particolar modo la Dott.ssa Maria Cavallaro (DRPC Messina), il Dott. Enzo Picciolo ed il Dott. Salvatore Soraci (ASP Messina), ed i coordinatori Filippo Isaja, Serena Vitulo, Piero Bartolone, Alfio Rigano, Alberto Prestipino, Angelo Manganaro e Lucio Zangla.

Prima trasferta e prima vittoria per il team guidato da mister Alessandro Strano. Sul campo della matricola Zaccagnini, la squadra naxiota impone il proprio gioco ed un risultato che non lascia spazio a dubbi. Con un perentorio 7-3 i giardinesi si confermano a punteggio pieno nelle zone alte della classifica. A sbloccare le marcature è il solito Intelisano prima del momentaneo pareggio dei padroni di casa. Poi ancora Intelisano su schema pregevole e Alessandro Puglisi con una momentanea doppietta mettono la partita in discesa. Piero Sturiale da bomber navigato marca il momentaneo 5-1 in tap-in con un goal alla Pippo Inzaghi. Gli ospiti trovano in contropiede il goal del 5-2 prima che un tiro al volo ad incrociare di Intelisano porti il risultato sul 6-2, euro-goal e tripletta personale per il numero 11 migliore in campo ancora una volta. Nel finale, arriva prima il 6-3 dei padroni di casa ed infine il definitivo 7-3 sempre ad opera di Puglisi, anche per lui tripletta personale, che approfittando di uno svarione difensivo segna indisturbato a porta vuota. Pregevoli anche le prestazioni dell’estremo difensore Melita, entrato nel secondo tempo, e del capitano Walter Rizzo al rientro dalla squalifica. “Questo risultato conferma le buone indicazioni dell’esordio” ha affermato il segretario Leotta a fine gara “il gruppo è forte e coeso, ora pensiamo soltanto al prossimo impegno casalingo contro i messinesi del SIAC, consapevoli di potercela giocare a viso aperto con tutti”. 

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI