28.3 C
Messina
venerdì, Luglio 19, 2024

“Pane per… ME” un progetto di solidarietà

Si è svolta questa mattina nella sala...

Messina, la Polizia metropolitana soccorre un falco ferito nei pressi di via Don Blasco

Gli agenti della sezione faunistico-venatoria della Polizia...

TAORMINA. ELIMINATO IL CORRIDOIO DI SICUREZZA A TRAPPITELLO. INSORGE IL MEETUP. D’AVENI: LAVORI ESEGUITI SENZA AUTORIZZAZIONE

AttualitàTAORMINA. ELIMINATO IL CORRIDOIO DI SICUREZZA A TRAPPITELLO. INSORGE IL MEETUP. D’AVENI: LAVORI ESEGUITI SENZA AUTORIZZAZIONE

Sarebbe stato smontato dall’Anas di Messina, su richiesta del Dipartimento di Palermo, il corridoio di sicurezza che il Comune di Taormina aveva fatto installare in Via Francavilla a Trappitello.

Più volte nei mesi scorsi gli attivisti del Meetup Taorminesi in Movimento avevano sollecitato l’intervento. 

“Non riusciamo a capire le motivazioni, affermano in una nota i grillini,  che hanno spinto quest’Ente Statale ad eliminare un installazione che andava a salvaguardare la sicurezza stradale dei pedoni ed agevolava il normale flusso di autovetture in quel tratto di strada. Non crediamo neanche che la denuncia fatta dai titolari della farmacia sia riuscita a far leva sui vertici del Dipartimento dell’A.N.A.S. senza che quest’ultimi abbiano prima aspettato la decisione del T.A.R. su questa controversia.

Una cosa è certa, il sistema funzionava bene, i cittadini si sentivano sicuri nel percorrere quel tratto di strada, adesso tutto è ritornato al caos del passato ed alla sosta selvaggia che nel mese di agosto avevamo denunciato.”

Il Meetup si riserva di ricorrere nelle sedi opportune nonché nei prossimi giorni di organizzare un’eventuale manifestazione a sostegno dei cittadini privati di un ottimo sistema di protezione. 

Intanto sulla vicenda interviene anche il consigliere di minoranza Antonio D’Aveni: “Gli archetti, scrive D’Aveni, sono stati tagliati dall’Anas perché collocati dall’assessore vicesindaco senza preventiva autorizzazione. Ora, chiosa D’Aveni,  l’assessore vicesindaco si paghi il contenzioso causato dal grave errore fatto.”

 

Ti potrebbe interessare anche..

Altri Tag:

Articolo più letti