26.3 C
Messina
domenica, Luglio 21, 2024

“Pane per… ME” un progetto di solidarietà

Si è svolta questa mattina nella sala...

Messina, la Polizia metropolitana soccorre un falco ferito nei pressi di via Don Blasco

Gli agenti della sezione faunistico-venatoria della Polizia...

COVID 19. KIT ABBOTT IN SCADENZA IN TUTTA ITALIA. LA REGIONE SICILIA AVVERTE: “USATE IL MATERIALE NEL PIU’ BREVE TEMPO POSSIBILE”

AttualitàCOVID 19. KIT ABBOTT IN SCADENZA IN TUTTA ITALIA. LA REGIONE SICILIA AVVERTE: “USATE IL MATERIALE NEL PIU’ BREVE TEMPO POSSIBILE”

In Sicilia, così come in tutta Italia,  dal 4 maggio scorso è possibile eseguire il nuovo test anticorpale per il Covid-19 di Abbott IgG SARS-CoV-2.

La Abbott Diagnostics, leader nel campo dei test per le malattie infettive, incluso lo sviluppo del primo test per l’Hiv, è l’azienda che si è aggiudicata la gara per la fornitura dei primi 150 mila kit dei test sierologici in Italia.

La gara è stata bandita il 17 aprile 2020 dal Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e il contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID – 19, Domenico Arcuri.

La gara prevedeva la fornitura urgente di Kit del tipo CLIA e/o ELISA per la rilevazione di IgG specifiche (anticorpi neutralizzanti per SARS – CoV–2), reagenti e consumabili, per l’effettuazione di 150.000 test sierologici  finalizzati ad un’indagine campione sulla diffusione dell’infezione da SARS – CoV-2, aventi elevate caratteristiche di qualità, funzionalità e rapidità, adeguatamente validate da parte di laboratori qualificati o agenzie regolatori e a valenza nazionale o internazionale, con possibile successiva estensione della fornitura di kit, reagenti e consumabili del medesimo tipo, per l’effettuazione di ulteriori 150.000 test.

Aggiudicata la gara con ben quattro giorni di anticipo tra i 72 partecipanti, il colosso farmaceutico statunitense Abbott, ha provveduto alla fornitura dei kit.

Dai primi di maggio dunque i laboratori selezionati dal Crq, il centro di qualità regionale dei laboratori hanno iniziato il loro lavoro di mappatura del virus.

A distanza però di appena poche settimane dall’inizio dei test lo stesso centro qualità regionale pubblica sul suo portale un avviso importante.

Nella nota del 26 maggio la responsabile del CQR la Prof.ssa Francesca Di Gaudio mette in guardia i laboratori: “Attenzione alla data di scadenza.”

“Si avvisano tutti i laboratori che hanno avuto consegnato i kit Abbott per il dosaggio delle IgG di stare attenti alla scadenza dei Kit e di mettere in uso nel più breve tempo possibile il materiale ricevuto. I Kit in oggetto sono fra l’altro quelli attualmente coinvolti nell’indagine di sieroprevalenza (ISP) avviata dal Ministero ed attualmente in corso. Tutti i campioni eseguiti con tali Kit possono essere utilizzati per comparazione statistica con l’ISP ministeriale in atto.”

Ma quando scadono esattamente i Kit in questione e cosa comporta una scadenza imminente per questi test?

Lo abbiamo chiesto direttamente alla responsabile del CQR la Prof.ssa Francesca Di Gaudio. La Prof.ssa Di Gaudio tiene a precisare innanzitutto che i kit sono stati consegnati direttamente ai laboratori dalla Protezione Civile e che non sono transitati dal CQR.

“I kit Abbott, chiarisce la prof.ssa, sono arrivati in tutta Italia con scadenza metà luglio. Tutti i kit distribuiti scadranno tra il 15 e il 17 luglio. Sono kit di nuova produzione validati con procedura d’urgenza. Per una questione di prudenza e mantenersi sul sicuro, prosegue la prof.ssa Di Gaudio, l’azienda ha preferito stabilire nel primo lotto di produzione un range di scadenza molto breve. Il mio avviso sul sito del CQR, chiarisce Di Gaudio, è a scopo preventivo. Sono certa che c’è tutto il tempo per utilizzarli. Siamo 5milioni di abitanti in Sicilia, c’è ancora un mese e mezzo di tempo.”

Ma quanti kit Abbott sono stati consegnati in Sicilia? Su questo dato la prof.ssa Di Gaudio non ha saputo fornire un numero esatto. Sulla validità invece di kit con scadenza imminente e il pericolo di un possibile risultato falsato la prof.ssa Di Gaudio non ha dubbi e tranquillizza tutti: “I kit sono validi, i risultati attendibili. I test possono essere utilizzati fino all’ultimo minuto dell’ultimo giorno.”

Non è della stessa opinione il prof. Pasquale Mario Bacco, professore di medicina forense e ricercatore sul Coronavirus: “Il problema, spiega è sui reagenti. Se fossero aperti solo al momento dell’effettuazione del test non avremmo problemi. Ma in realtà, prosegue,  i reagenti vengono usati su dosi per più test. Ciò determina che avvicinandosi alla data di scadenza il reagente aperto può presentare una probabilità di errore che supera quello base. In pratica man mano che ci si avvicina alla scadenza aumenta l’indice di errore.”

L’argomento è stato ampiamente affrontato nel corso della rubrica “Il Salotto di Spartaco” in onda sull’emittente televisiva Tirrenosat alla quale hanno preso parte il giudice Angelo Giorgianni che si è fatto portavoce per la richiesta di istituzione di una commissione d’inchiesta parlamentare sulla gestione Coronavirus, il prof. Pasquale Mario Bacco, professore di medicina forense e ricercatore sul Coronavirus, il prof. Marianno Franzini ed il direttore Rino Piccione.

Di seguito il link per seguire la puntata:

https://www.facebook.com/TirrenoSat/videos/254129325841242/?eid=ARCQlYli8UmuihkRzixpaOatw012k1roNpwOZ0LE3U2O-U2IvpyklTMsAothDxRiEJmhLJQPsQ-5kt3R

Ti potrebbe interessare anche..

Altri Tag:

Articolo più letti