30.6 C
Messina
sabato, Luglio 13, 2024

Messina, la Polizia metropolitana soccorre un falco ferito nei pressi di via Don Blasco

Gli agenti della sezione faunistico-venatoria della Polizia...

L’associazione Youngs Fahrenheit 68 in piazza per promuovere solidarietà e lotta allo spreco.

L’associazione Youngs Fahrenehit 68 scende in piazza per promuovere...

TAORMINA. EMERGENZA CORONAVIRUS. L’ASSOCIAZIONE ALBERGATORI TAORMINA SUGGERISCE LA CHIUSURA DELLE STRUTTURE RICETTIVE

AttualitàTAORMINA. EMERGENZA CORONAVIRUS. L’ASSOCIAZIONE ALBERGATORI TAORMINA SUGGERISCE LA CHIUSURA DELLE STRUTTURE RICETTIVE

Provvedere alla chiusura straordinaria di tutte le strutture alberghiere ed extra alberghiere site nel Comune di Taormina al momento aperte fino al 3 aprile. È quanto richiesto in queste ore dal presidente dell’associazione albergatori di Taormina Italo Mennella.

Mennella attraverso una nota inviata agli associati fornisce alcune linee guida da seguire per fronteggiare questo momento.

“Alle strutture stagionali non ancora aperte, si legge nella nota, si raccomanda di non riaprire prima del 3 aprile. Per le strutture ricettive che alla data odierna dovessero avere ancora clienti alloggiati, arrivati prima della data di entrata in vigore del DPCM 9 Marzo 20 e in possesso di prenotazione aerea per il rientro a casa nei prossimi giorni, si suggerisce di garantire loro la massima assistenza possibile durante questo periodo di emergenza nel pieno rispetto della tradizionale ospitalità che ha da sempre contraddistinto l’intero comparto turistico di Taormina.”

Mennella ricorda inoltre cosa stabilisce la legge, ricordando a tutti cosa si rischia disattendendo le direttive: “ Si segnala che il decreto-legge 23 febbraio 2020 n. 6 “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, convertito nella legge 5 marzo 2020 n. 13, all’articolo 3 comma 4, ha stabilito che, salvo che il fatto non costituisca più grave reato, il mancato rispetto delle misure di contenimento imposte per contrastare il diffondersi del virus COVID-19 è punito ai sensi dell’articolo 650 del codice penale. (arresto fino a tre mesi o ammenda fino a euro 206). L’articolo 15 del decreto-legge 9 marzo 2020 n. 14, ha aggiunto un periodo al suddetto articolo, con il quale si prevede che, salva l’applicazione delle sanzioni penali ove il fatto costituisca reato, la violazione degli obblighi imposti dalle misure di contenimento a carico dei gestori di pubblici esercizi o di attività commerciali è sanzionata altresì con la chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni.

Ti potrebbe interessare anche..

Altri Tag:

Articolo più letti