27.2 C
Messina
lunedì, Luglio 22, 2024

“Pane per… ME” un progetto di solidarietà

Si è svolta questa mattina nella sala...

Messina, la Polizia metropolitana soccorre un falco ferito nei pressi di via Don Blasco

Gli agenti della sezione faunistico-venatoria della Polizia...

Taormina. Inaugurata “Convergenze”: fusione tra arte e luoghi.

CulturaTaormina. Inaugurata “Convergenze”: fusione tra arte e luoghi.

Venerdì 7 settembre, alla presenza del Sindaco di Taormina, il prof. Mario Bolognari, e dell’assessore alla Cultura, la professoressa Francesca Gullotta, è stata inaugurata l’esposizione “Convergenze”; collettiva di un gruppo di artisti taorminesi. La mostra che è visitabile sino all’8 ottobre – tutti i giorni dalle 16 alle 22 con ingresso libero – è stata allestita all’interno della scenografica ex chiesa del Carmine di Taormina, edificio che per il suo impianto architettonico barocco, ben si presta ad accogliere eventi legati all’arte e alla cultura.

Il taglio del nastro è stato effettuato dal presidente dell’associazione Centaurea, il Maestro Ghumbert-Umberto Martorana, attivo da lungo tempo nel panorama artistico siciliano insieme all’assessore Gullotta. Ghumbert è un appassionato cultore della bellezza dei luoghi e fine interprete del senso profondo ed etico che ha l’arte. L’esposizione ha trovato il pieno sostegno oltreché del Comune di Taormina che lo ha patrocinato, anche del Paradise Beach Club, di Villa Belvedere e delle cantine Murgo.

“Convergenze” ha riunito quegli artisti che già in precedenza, e precisamente nel 2006, avevano dato prova che “l’unione fa la forza” organizzando una collettiva con il medesimo intento. L’assessore Gullotta, memore di quell’evento, ha chiesto loro di regalare alla città, un nuovo momento di amore e condivisione per l’arte e per i luoghi che la ospitano.

“Convergenze”, come espresso dal maestro Martorana «vuol fare convergere tutte le energie dei singoli artisti verso un obiettivo comune: aprire la città ed i suoi luoghi al godimento di tutti; cittadini ed ospiti». L’ex chiesa del Carmine, edificio e luogo d’eccellenza, era il sito giusto. Il messaggio dato dagli artisti di “Convergenze” è manifesto: diffondere, promuovere, custodire l’arte, riattualizzando i luoghi. Far vedere la bellezza e far risuonare lo spirito del genius loci. Taormina è città che naturalmente si presta all’accoglienza del Bello e ha sempre saputo coniugare l’identità del luogo con l’apertura verso le differenze. Gli artisti di “Convergenze” esprimono la loro appartenenza a questa comunità e propongono, in modo originale, una lettura del loro essere “taorminesi e siciliani”.

Chi avrà modo di visitare la mostra, avvertirà già dal suo ingresso di essere non solo uno spettatore ma d’essere attore in una “scenografia nella scenografia”. Scenografia del luogo e scenografia nell’allestimento che conduce ad una visione in dettaglio tra generi differenti, dal figurativo allo scultoreo; ma che una volta compiuto il percorso lascia al visitatore l’idea di un quadro d’insieme, ritratto di una città e delle sue diverse anime.Gli artisti di “Convergenze” sono: Silvia Bambara – Mirella Bolognari – Franco Calabrò – Pippo Coslovi – Pippo Foti – Ghumbert – Luigi Grasso – Antonella Moschella – Giovanni Murganti – Giuseppina Nucifora – Annarosa Ragusa – Rogika – Aykut Saribas – Luigi Sgralata – Vera Spadaro – Valbert.

In “Convergenze” dove si assiste al tripudio “dei colori in libertà” dialogano tra loro: il mito, declinato nei generi maschile e femminile; la storia tra spunti veristi e accenti neorealistici con picchi all’iperrealismo; le visioni Pop e gli incanti mediterraneo-orientali; la materia scultorea legata alla sua rappresentazione tradizionale, che tuttavia lascia terreno alla forma astratta. Pittura, fotografia, scultura. Contaminazioni portatrici del senso dirompente di dire la ricchezza della differenza, nell’unicità del luogo.

Ti potrebbe interessare anche..

Altri Tag:

Articolo più letti